Ergastolo duro e fine pena mai:la Corte dei diritti umani di Strasburgo dà torto all’Italia. Il commento del garante campano dei detenuti Ciambriello

Sull’ergastolo “duro” ai mafiosi la Corte dei diritti umani di Strasburgo (Cedu) dà torto all’Italia e non accoglie il ricorso del governo contro la sentenza del 13 giugno che bocciava il cosiddetto “fine pena mai” in quanto – secondo la giurisprudenza della Corte – a chi è detenuto non si può togliere del tutto anche la speranza di un recupero, ma al soggetto in carcere va riconosciuta la possibilità di redimersi e di pentirsi ed avere quindi l’ultima chance di migliorare la propria condizione.Da qui l’invito all’Italia a rivedere la legge. Un invito, si badi, che non ha carattere perentorio, non rappresenta un obbligo, ma produce però come conseguenza una serie di altri ricorsi di detenuti che lamentano condizioni disumane, tant’è che a Strasburgo ce ne sarebbero già altri 24.

Per il garante campano dei detenuti Samuele Ciambriello:”Per la CEDU l’ergastolo senza possibilità di revisione della pena è una violazione dei diritti umani. L’impossibilità della scarcerazione è considerato un trattamento degradante e inumano contro il prigioniero e pertanto viola l’articolo 3 della Convenzione Europea sui diritti umani.
Quanta disinformazione sull’argomento,raccontate balle all’opinione pubblica facendole credere che escono tutti gli ergastolani domani mattina! Si demoliscono le norme sulla ostatività degli ergastolani ad ogni forma possibile di misura alternativa e percorsi minimi di risocializzazione. Il detenuto ergastolano non ha di per sè il diritto di avere tali misure.Insomma resterà un giudice a stabilire se il condannato all’ergastolo potrà essere ammesso alla liberazione condizionale, e questo non è buonismo o perdonismo, è diritto,è il cammino vero della detenzione, è applicazione delle norme Costituzionali.E’ una norma che non viola i diritti umani.

In realtà l’articolo 4bis dell’ordinamento penitenziario (unito al 58ter), più volte rivisto dall’ordinaria stesura del 1975, dà una possibilità al detenuto quando dice espressamente che  i benefici – permessi premio, lavoro esterno, misure alternative al carcere, ma non la liberazione anticipata – possono essere concessi solo qualora chi sta in carcere decida di collaborare con la giustizia in modo da rompere in modo definitivo i suoi legami con l’organizzazione mafiosa. L’articolo dell’ordinamento specifica che “i benefici possono essere concessi anche se la collaborazione che viene offerta risulti oggettivamente irrilevante purché siano stati acquisiti elementi tali da escludere in maniera certa l’attualità dei collegamenti con la criminalità organizzata”.

Previous Rostan:" Una sanità equa, giusta, efficiente. Il Governo è sulla buona strada."
Next M5S, Viglione: “Differenziata, Campania ferma al 52% e a -9 dagli obiettivi della giunta” Il post del consigliere regionale: “Flop De Luca. Napoli e Caserta zavorre della regione”

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

DI DONNA,VESCOVO DI ACERRA.”Occorre attivare politiche adeguate e mettere in piedi iniziative che attivino il lavoro e l’economia salvaguardando nello stesso tempo il territorio e la sua vocazione.”

Alla Regione Campania Al Governo Centrale Alla Vigilia della Pasqua di Resurrezione di questo anno 2017 non possiamo dimenticare il dramma del lavoro che continua ad Acerra. Il futuro di

Approfondimenti

RENZI e il pensiero degli ITALIANI su DONALD TRUMP

In queste ore “il mondo saluta l’elezione di Trump. A nome dell’Italia mi congratulo con lui e gli auguro buon lavoro convinto che l’amicizia resti forte e solida”. Lo ha

ultimissime

Strangola la moglie a Rovigo, morta dopo 9 giorni di agonia. “Copriti o ti uccido”: il post che ha indignato la Rete

A fine luglio Roberto Lo Coco, 28 anni, posta su Facebook la schermata di una chat che “girava” da un po’ di tempo sui social. Nella conversazione, di autori ignoti, un uomo intima

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi