Facebook: “Segnalare le bufale con bandierina rossa è controproducente”

Facebook  invece di contrassegnare con una bandierina rossa le bufale, ha deciso di mostrare alcuni articoli correlati alle notizie di dubbia veridicità, in modo da fornire agli utenti gli strumenti per comprendere i fatti. La correzione di rotta, spiega il social, si è resa necessaria per condurre una lotta più efficace.In un post siglato da alcuni manager di Facebook:“La ricerca accademica sulla correzione della disinformazione ha dimostrato che mettere un’immagine forte accanto a un articolo, come una bandiera rossa, può radicare credenze profondamente consolidate: l’effetto opposto a quello che intendevamo. Gli articoli correlati, al contrario, sono progettati per dare più contesto, il che è un modo più efficace per aiutare le persone ad arrivare ai fatti”.

La compagnia di Mark Zuckerberg spiega di aver condotto alcuni test da cui è emerso che mostrare gli articoli correlati porta a una minore condivisione delle fake news sul social. Lo strummento, tuttavia, non evita che gli utenti clicchino sulle fake news e le leggano.

Previous CAMPANIA: A SANT'AGNELLO DI SORRENTO SI SVOLGERA' LA SECONDA EDIZIONE DEL CAMPUS INVERNALE DI MANDOLINO E CHITARRA
Next SERIE A ,18ª GIORNATA : SFIDE INTERNE PER LAZIO E MILAN! BIG MATCH TRA JUVENTUS E ROMA

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

LA GALLERIA DELL’ANTIQUARIO MARIO DATRINO :UNO SCRIGNO PREZIOSO!

La galleria dell’antiquario Marco Datrino a Torre Canavese è una delle più importanti d’Italia e presenta una vasta esposizione di sculture, mobili antichi, maioliche, ma soprattutto dipinti di varie scuole,

Approfondimenti

Torna BENINSIEME 2019 al Nabilah

Non poteva mancare anche quest’anno il fatico evento “BENINSIEME”. Il 3 luglio al Nabilah in Via Spiaggia Romana 16 – Bacoli, a partire dalle 19.30. La conferenza stampa di presentazione

Approfondimenti

IL PROSECCO ITALIANO BATTE PER LA PRIMA VOLTA LO CHAMPAGNE IN GRAN BRETAGNA

L’italiano spumante prosecco ha battuto lo champagne per la prima volta in Gran Bretagna, con un fatturato di gran lunga superiore al suo rivale francese, secondo una ricerca pubblicata Mercoledì.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi