Fase 2: a giugno riapriranno i centri estivi per bambini

Le scuole sono rimaste chiuse, ma i centri estivi riapriranno. Lo ha confermato il ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, che ha spiegato che le strutture «potranno aprire il 15 giugno», anche se secondo il Dpcm le Regioni avranno la facoltà di anticipare o posticipare la ripartenza in base alla curva dei contagi. «Avevo promesso che non ci saremmo scordati dei centri estivi, ma che li avremmo riorganizzati in sicurezza», ha scritto la ministra su Facebook. «Infatti abbiamo dato le indicazioni e stanziato 185 milioni di euro, l’investimento più alto in questo settore nella storia della Repubblica. Ora sta alle Regioni decidere se anticiparne o posticiparne l’avvio, rispetto alla data del 15 giugno, in base al loro andamento epidemiologico».

Le Linee Guida dell’ultimo Dpcm stabiliscono un rapporto numerico fra operatori e bambini, sottolinea VanityFair, che varia in base all’età: dai 3 ai 5 anni ci sarà un adulto ogni 5 bambini; dai 6 agli 11 anni, un adulto ogni 7 bambini; dai 12 ai 17 anni, un adulto ogni 10 ragazzi. Per bambini ed adolescenti con disabilità il rapporto sarà di un operatore per ogni utente. Si dovranno evitare gli assembramenti: sono previsti dei «triage» di accoglienza e gli ingressi dovranno essere scaglionati di almeno 5 o 10 minuti. Laddove sarà possibile, entrata ed uscita saranno separati con percorsi obbligati.

I punti di accoglienza saranno all’esterno o in un ingresso separato dell’area dove si svolgono le attività, in modo da evitare l’ingresso degli adulti che accompagnano i minori. Nel punto di accoglienza ci devono essere una fontana o un lavandino con acqua e sapone: se non sono presenti, dovrà comunque essere messo a disposizione del gel idroalcolico perché i bambini possano igienizzarsi le mani prima dell’ingresso nel centro estivo e prima di essere riconsegnati ai genitori.

La procedura di triage prevede di chiedere ai genitori se il figlio ha avuto febbre, tosse, difficoltà respiratoria o è stato male a casa. È anche previsto il controllo della temperatura «con rilevatore di temperatura corporea o termometro senza contatto».

Tutti gli oggetti usati dai bambini dovranno essere puliti almeno una volta al giorno e ogni volta che i piccoli cambieranno attività dovranno lavare le mani, soprattutto prima dei pasti.

Previous San Giorgio a Cremano.Nasce "Cremanofood", la app per il menù digitale che l'amministrazione regala ai commercianti
Next Chiuso il decreto Rilancio: maxi-manovra da 55 miliardi per aiutare le famiglie

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

ANACAPRI: DAL QUIRINALE GIUNGE UNA NUOVA RISPOSTA ALL’APPELLO DEL GIOVANE DISABILE, AL FINE DI OTTENERE L’ABOLIZIONE DELLA BARRIERA ARCHITETTONICA CHE IMPEDISCE L’ACCESSO AL BELVEDERE DELLA MIGLIERA

Da Roma e dal  Quirinale giunge  una nuova risposta all’appello di Christian Durso, il 26enne disabile di Anacapri che si era rivolto al presidente Mattarella per ottenere l’abolizione della barriera

ultimissime

Liliana Segre, sindaci in corteo a Milano sulle note di Bella Ciao: “Lasciamo l’odio agli anonimi della tastiera”

I 600 sindaci d’Italia, insieme alla senatrice a vita Liliana Segre, hanno attraversato la Galleria Vittorio Emanuele di Milano, cantando Bella Ciao. “Da oggi saremo noi la sua scorta”, ha detto il vicepresidente dell’Anci

ultimissime

Terrorismo,Antonio Gaezza trent’anni fa veniva ucciso

Antonio Gaezza,  vendeva collanine di vetro  su una bancarella in via Calata San Marco, stradina adiacente a piazza Municipio. Aveva 62 anni, una mamma centenaria da accudire, ed era sopravvissuto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi