Ferite di guerra

Rivedendo una puntata della vita di Maiorana, il celebre fisico misteriosamente scomparso, ho riascoltato una stupida canzoncina anni ’40 (serviva a ricreare l’atmosfera) il cui titolo è “Cavallino, corri e va”.

Mi sono sentito dolere una vecchia cicatrice che avevo dimenticato. Nel marzo/aprile del 42 ero al cinema Partenope in via Foria a vedere una commediola la cui colonna sonora era appunto quella canzone. Una improvvisa incursione fece interrompere la proiezione. Scappammo tutti mentre le prime bombe cadevano sulla zona. Abitavo allora a vico Cavaiole, dietro la fontana delle “Paparelle”. I napoletani conoscono il luogo. Entrando nel vicolo trovai la mia casa ridotta ad un cumulo di macerie. Raccolsi una scheggia della porta della cameretta mia e dei miei fratelli, per ricordo. L’ho portata infilata alla cintura per tutta la durata della guerra fin quando non avemmo di nuovo una casa a Napoli.

Quel giorno restammo senza niente: solo con i vestiti che indossavamo ed i pochi soldi della borsetta di mamma. Da allora ogni volta che sentivo quella canzone mi venivano le lacrime agli occhi. Non piangevo. Avevo solo gli occhi umidi ma un dolore profondo nel cuore, un pianto interno che mi accorava. Quando mi capitava stando vicino a mia madre, mi allontanavo per non farla preoccupare. Lei aveva capito però (‘o figlio muto ‘a mamma ‘o ‘ntenne) e perciò mi rivolgeva un lieve sorriso di simpatia, come per dire: «Passerà, l’importante è che siamo vivi».

Tornati a Napoli mio padre fece la richiesta per i danni di guerra. Pretesero la fattura di acquisto dei mobili. Potemmo esibirla perché mia madre non abbandonava mai le carte del suo matrimonio, l’avvenimento più importante della sua vita cosa che oggi magari fa un po’ sorridere, ma allora ragionavano così. Ci restituirono la somma. C’era un “ma”. I mobili erano stati acquistati nel 1930. Ci diedero esattamente la stessa somma senza nessuna rivalutazione. Con quei soldi comprammo sei sedie. Mio padre quando vedeva che le usavamo impropriamente diceva: «Guagliù, stateve attiente pecchè p’accattà ‘sti segge c’è vuluto ‘n guerra»

Previous Diritto alla salute europeo
Next Doping: la piaga dello sport

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Don Franco Esposito: “Sensibilizzare le istituzioni al superamento del carcere”

Quello del carcere è un tema che riguarda da vicino la Regione Campania che conta 17 istituti penitenziari e 6856 detenuti per una capienza regolamentare di 6067. 344 sono donne

Officina delle idee

Gennaro Capodanno: al Vomero troppi black out della pubblica illuminazione. Anche ieri sera diverse strade sono rimaste al buio

  A segnalare l’ennesima disfunzione dei servizi pubblici a Napoli, in particolare al Vomero è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che sta monitorando in questi giorni il fenomeno,

Officina delle idee

ONDA VERDE: LA PASSEGGIATA SUL FAITO CHE MIRA A VALORIZZARE IL TERRITORIO CAMPANO E LE SUE GRANDI BELLEZZE

 Il FAITO for FUN, Libero Ricercatore ed Sos Stabia, con la partecipazione di EAV , ovvero con per la messa a disposizione delle navette a costo ridotto, hanno organizzato per oggi, l’evento ONDA VERDE,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi