Francesco Biliari al Festival dell’Economia: “Favorire la concorrenza, abbassando i prezzi al consumo dei prodotti più utilizzati, accesso gratuito per gli asili nido, per la scuola primaria ed infine più trasparenza per poter favorire il tasso di fecondità nei paesi dell’Europa mediterranea”!

In occasione del festival dell’Economia :” diventare genitori :quali pari opportunità?”, Francesco Billiari, demografo università Bocconi di Milano, ha parlato di disuguaglianze che mettono l’Italia nelle condizioni di non diventare genitori rispetto ad altri Paesi .

“Favorire la concorrenza, abbassando i prezzi al consumo dei prodotti più utilizzati dalle famiglie numerose, rendere gratuito l’accesso per gli asili nido, come per la scuola primaria ed infine più trasparenza per poter favorire il tasso di fecondità nei paesi dell’Europa mediterranea” . E’ questa la ricetta che Biliari dichiara essere la prospettiva giusta per avere pari opportunità anche in Itlia ma soprattutto nel Sud che se prima era tra i primi nei tassi di natalità, oggi rischia lo spopolamento.

Come ha dichiarato Biliari , diventare genitori è un diritto , ma soprattutto è desiderio di molte famiglie che  hanno un alto desiderio di genitorialità e che prospettano almeno una media di 2 figli , non mettono in atto la realizzazione del desiderio genitoriale. Infatti gli europei dichiarano in media di desiderare più di due figli, ma le statistiche attribuiscono a ogni coppia 1,5 figli. Nei paesi dove si sta meglio, per welfare e lavoro, si fanno più figli. In Francia, Svezia, Regno Unito, Danimarca e Belgio quasi due figli per coppia. Sotto quota 1,4 Italia, Spagna, Grecia e Portogallo. Le donne europee che hanno un alto tasso di istruzione hanno molte più possibilità di diventare madri. Nei paesi mediterranei anche avere fratelli e sorelle diventa un elemento di rischio in più sul fronte della povertà.

Il nostro Paese si trova davvero in una crisi demografica, nascite sempre più basse , ci troviamo di fronte ad un problema molto serio poiché date le statistiche si registra un forte abbassamento della popolazione che ci fa pensare ad un possibile spopolamento.

Quindi la soluzione di tale questione, da quanto affermato durante il festival, sarebbe quella di abolire le disuguaglianze, permettendo così ai desiderosi di allargare famiglia di realizzare questo desiderio. Seguire la ricetta di Francesco Biliari , può essere certamente un inizio , ma basterebbe? Il problema principale del nostro paese che è causa di molte difficoltà, è il poco lavoro e secondo molti per poter ritornare a ripopolarlo bisognerebbe offrire maggiori possibilità lavorative e così permettendo agli Italiani non solo di restare nella Patria ma di continuare ad allargare le proprie famiglie senza alcuna paura di non riuscire a sostenerla.

Previous NAPOLI, RALLENTANO I LAVORI ALLA FUNICOLARE CENTRALE A CAUSA DI PAGAMENTI IN RITARDO
Next Dopo il programma spaziale "Apollo" , arriva la missione Parker Solar Probe! Un lancio verso la conquista del sistema solare e i suoi misteri!

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Nasce Ailo : Associazione Italiana per la lotta all’Obesità e alle Malattie Metaboliche

Egregio Samuele, sono Antonella Ferraro, presidente della neonata AILO, Associazione Italiana per la lotta all’Obesità e alle Malattie Metaboliche. Ti scrivo per presentarle l’Associazione, per raccontarti com’è nata e illustrarti le

Economia e Welfare

Casta contro casta: che fatica tagliare gli stipendi di Camera e Senato

Guadagnano quattro volte in più dei colleghi della House of Commons, ma guai a parlare di tetti alle loro buste paga. Sono i dipendenti della Camera dei Deputati e del

Economia e Welfare

A Casalnuovo arriva “Pensare è Giocare”, il nuovo campo estivo finanziato dalla Regione Campania

Partirà il 21 giugno prossimo a Casalnuovo di Napoli il primo campo estivo interamente gratuito, finanziato dalla Regione Campania, presso il Centro Polifunzionale LABOR INTI a Via Casarea. La Città di Casalnuovo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi