FRANCIA: SCONTRO IN TV TRA LE PEN E MACRON, SEMBRAVA UN TALK ITALIANO MA VINCE MACRON

Duello politico, ieri, tra  Emmanuel Macron e Marine Le Pen, andato in onda ieri  su France24. Volano parole grosse, veleni sviscerati a botta e risposta, sguardi angusti e carichi di polemiche, di reciproche accuse che sono state riprese per prima da Marine Le Pen, candidata del Front National,  la quale ha accusato il candidato avversario di essere: “Candidato della globalizzazione selvaggia, dell’ uberizzazione, della precarietà” con ” quel sorriso da passaporto” che porta negli occhi “argomentazioni politiche vergognose“.

La guerra ritratta nel faccia a faccia, rimane una delle più sanguinose avute mai in Francia, costellata di lividi, così penetrante e carico di macigni politici snodati tra le parole dei due, lui  insistendo sulla impreparazione di lei, lei sul legame  di lui nel recente passato di governo,  di cui è stato ministro,  lui picchiando sul merito, lei disquisendo  alla “pancia” della Francia, attaccando sull’ economia, sulle pensioni, sul terrorismo, fino al violentissimo scontro sulla recente storia della Francia, dall ’Algeria a Vichy a De Gaulle. Macron a suo dire ha accusato Le Pen di avere un programma che rischia di portare “alla guerra civile” la Francia, esprimendosi così: “Non accetterò compromessi e guiderò la lotta contro il terrorismo ad ogni livello ma una trappola ci aspetta, ed è ciò che lei sta proponendo, è una guerra civile” mentre la rivale lo ha accusato di “compiacenza con il fondamentalismo islamico“.

Diversa la visione del mondo, con Marine che demonizza globalizzazione e Europa (con discorsi molto molto simili a quelli di Salvini con una spruzzata di grillismo – ha anche parlato della doppia moneta, come Di Maio) e Macron esattamente il contrario, affermando: “Lei è la signora della paura. Il suo progetto è letale”. I toni non si sono mai affievoliti, vi è stato un bachetamento continuo sulla disoccupazione, in cui la lLe Pen si è così espressa:” Se lei ha la ricetta contro la disoccupazione perchè non l’ha suggerita a Francois  Hollande? E se invece non ce l’ha, perchè si è candidato? Lei non dovrebbe essere candidato” sentendosi così rispondere da Macron:” Lei non propone niente, i francesi meritano meglio di quello che sta dicendo lei meritano la verità” ed è lui ad avere la meglio sulla rivale.

Il dibattito è stato animato dal malessere dei francesi, tra i due candidati che si stanno contendendo la fiducia dei votanti divisi tra due mondi lontanissimi la Francia liberal-riformista, europeista e laica contro la Francia d’en bas, la Francia “piccola” che chiede protezione, lavoro, più soldi, due mutazioni  parallele, diverse, che nel loro dinamismo si scontrano, si deridono, e si rincorrono per avere la meglio, in uno scontro sulle Presidenziali molto feroce, come feroce è il tempo che si vive.

 

Previous WHATSAPP VA IN BLACKOUT, COLPA DI UNA TEMPESTA SOLARE IN ATTO
Next I MITI DI NAPOLI : LA LEGGENDA DELLA CAMPANELLA DI CAPRI

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

OGGI A ROMA “SI APRE”:NO ALL’IDEA DI UNA SINISTRA IMPOTENTE ED ISOLATA.

Chi coltiva le piccole ambizioni è pericoloso per sé e per gli altri. Credo che le compagne e i compagni che parteciperanno all’iniziativa SIapre domenica 12 febbraio all’Ambra Jovinelli, lo

ultimissime

DI MAIO: “L’OBIETTIVO DI GOVERNO NON E’ ASSOLUTAMENTE L’USCITA DALL’EURO, MA RENDERE LA PERMANENZA DEL NOSTRO PAESE NELLA MONETA UNICA UNA POSIZIONE CONVENIENTE”

“L’obiettivo di governo di M5S non è assolutamente l’uscita dall’euro, ma rendere la permanenza del nostro Paese nella moneta unica una posizione conveniente per l’Italia. La nostra posizione è una

ultimissime

NAPOLI: RICORDA IL GRANDE PINO D’ANIELE CON UN FLASH MOB

Flash mob che accade in riva al mare, una mostra per la memoria dell’artista  nel cuore di Forcella, omaggi nei locali notturni, le sue canzoni trasmesse dalle radio e diffuse

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi