Titta, sorella di Genny Cesarano, diventa modella per un murale al Rione Sanità

Il rione Sanità si tinge di colori e speranza. Lo street artist messicano Addi ha lasciato la sua firma a piazza dei Miracoli. Il soggetto dell’opera è Titta Cesarano, sorella di Genny ucciso dalla camorra per errore il 6 settembre 2015 a soli 17 anni, in seguito ad una stesa. Non è l’unico omaggio dedicato alla memoria di Genny, poco dopo la sua morte è stato installato una statua raffigurante il ragazzo dinanzi la chiesa di San Vincenzo che prova a recuperare una pallone che si è incastrato. La scultura è diventata fin da subito un simbolo che racconta una realtà presente da sempre all’interno del quartiere.“Consoliamoci con la bellezza… – scrive Ivo Poggiani, presidente della Terza Municipalità su Facebook –   Addi dona la sua arte alla città. La bellezza di Titta, ragazza del quartiere, sorella di Genny Cesarano. La bellezza nel vedere un muro sporco che oggi è diventato un’opera d’arte.” Dal dolore nascerà la bellezza, dalla tragedia sono nate e continuano ad essere organizzate diverse iniziative da parte della famiglia di Genny e dagli abitanti della Sanità che quotidianamente si impegnano in ricordo di Genny portando avanti un percorso sulla legalità.

Previous La Certosa di San Martino chiusa sine die
Next Mondiali 2018 : Croazia e Svizzera staccano il pass!

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

LE AGEVOLAZIONI DEGLI STUDENTI-LAVORATORI

Sempre più giovani si ritrovano a dover lavorare e studiare insieme, pur di mantenersi all’Università, per non gravare sui genitori, per voglia di indipendenza, oppure semplicemente per scelta. La scelta

Officina delle idee

PADRE DOMENICO PIZZUTI:”DA SCAMPIA VERSO UN MONDO NON RELIGIOSO.”

Proseguendo la mia riflessione sul mondo religioso circostante nel quartiere Scampia, nell’area Nord di Napoli, sulla base di alcuni elementi di analisi presenti nel precedente testo“La religiosità di Scampia, cittadella

Officina delle idee

“NESSUNO PUO’ VOLARE” : SIMONETTA AGNELLO HORNBY VOLA NEI LIMITI UMANI

‘Nessuno può volare’ di Simonetta Agnello Hornby, accompagnata dal figlio maggiore George, che da quindici anni convive con la sclerosi multipla, vola nei limiti degli esseri umani, i più deoli.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi