GIORDANIA-PALESTINA: CATTOLICI E ORTODOSSI CELEBRANO LA PASQUA

Il patriarca di Gerusalemme dei Latini Fouad Twal si trova in Giordania per le liturgie della Settimana Santa e domani presiederà la Pasqua, che i cattolici latini del Regno Haschemita celebrano in contemporanea con i cristiani delle Chiese d’Oriente. Così si adempie l’indicazione venuta dall’Assemblea dei vescovi ordinari cattolici di Terra Santa, che prima della Quaresima, in una lettera ai parroci cattolici, anche quest’anno avevano suggerito di celebrare il Triduo pasquale negli stessi giorni in cui esso viene celebrato dalle Chiese d’Oriente che seguono il Calendario giuliano. L’unificazione delle date delle festività pasquali in gran parte dell’area – riferisce l’agenzia Fides – era già stata disposta nell’ottobre 2012 dall’Assemblea dei vescovi ordinari cattolici della Terra Santa, quando era stato stabilito che entro due anni tutti i cattolici delle diocesi di rito latino e dei diversi riti orientali avrebbero celebrato la Pasqua secondo il Calendario giuliano, in concomitanza con le liturgie pasquali celebrate nelle chiese ortodosse.

L’eccezione delle aree di Gerusalemme e di Betlemme
L’adozione della data di Pasqua secondo il Calendario giuliano avrebbe dovuto essere applicata in tutta la Terra Santa, con l’eccezione delle aree di Gerusalemme e di Betlemme, dove si continua a seguire il Calendario gregoriano sia per rispettare i vincoli imposti nella Città Santa dal sistema dello “Status quo” (che regola la convivenza tra le diverse Chiese cristiane nei Luoghi Santi), sia per tener conto dell’afflusso dei pellegrini che da tutto il mondo vengono a celebrare la Pasqua nei luoghi della vita terrena di Gesù.

Per cattolici ed ortodossi celebrare la Pasqua insieme è una prassi
“La Chiesa – si legge nella lettera diffusa dai vescovi cattolici prima della Quaresima – ha ascoltato la voce dei fedeli, e ormai da tempo, celebrare la Pasqua insieme, cattolici e ortodossi, secondo il Calendario giuliano, è diventata una normale prassi; è un punto acquisito che non possiamo cambiare”. “Celebrare la Pasqua nello stesso giorno ha un evidente valore ecumenico, ma in realtà – spiega a Fides l’arcivescovo Maroun Lahham, vicario patriarcale del patriarcato latino di Gerusalemme per la Giordania – l’applicazione delle disposizioni per l’unificazione della data di Pasqua è tutt’altro che uniforme. Da noi in Giordania celebriamo la Pasqua insieme ai fratelli ortodossi già da quarant’anni”.

* fonte: it.radiovaticana.va. L’articolo integrale è disponibile sul sito. 

Previous LA "PRIMAVERA DI VINSANNIO" A GUARDIA SANFRAMONDI
Next CINQUE COSE DA SAPERE SULLA PASQUA

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

INCENDI: IL PIEMONTE CONTINUA A BRUCIARE IN VALLE DI SUSA

Il Piemonte continua a bruciare in Valle di Susa, nella Città metropolitana di Torino, per gli incendi che da giorni la devastano. L’impossibilità di volare, per canadair ed elicotteri, a causa di

Qui ed ora

DI MAIO:”VOTO SULLA LEGGE ELETTORALE?NESSUN INCIUCIO.VIRGINIA RAGGI LASCERA’ SOLO SE CONDANNATA.”

M5s potrebbe completare “entro l’estate” le sue primarie online in caso di voto anticipato a ottobre; sulla legge elettorale l’accordo “non e’ un inciucio”; Virginia Raggi deve lasciare l’incarico di

Qui ed ora

REFERENDUM 17 APRILE, L’ASSEMBLEA AL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CAMPANIA: GLI INTERVENTI DI BORRELLI E CIARAMELLA

Nel convegno di giovedì scorso sul referendum del 17 aprile, tenutosi al Consiglio regionale della Campania, agli interventi di Vincenza Amato e Gianluca Daniele sono seguiti quelli dei consiglieri Francesco

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi