Giovani e alcol: lo sballo del sabato può dare dipendenza

Risultati immagini per alcol

 

La parola alcol nelle cronache compare quasi ogni giorno. Solo guardando gli ultimi c’è la chiusura di un locale che vendeva cocktail con superalcolici a minorenni nel centro di Firenze. A Ferrara un sedicenne è finito in coma etilico dopo sei «shottini», aveva un tasso alcolico di 2,38 grammi per litro.

La cronaca è la fotografia dei dati. Quelli dell’ultimo rapporto dell’Istituto superiore di sanità (ISS) sui teenager dicono che, nel 2018, il 43% dei 15enni italiani e il 37% delle 15enni ha fatto binge drinking, cioè ha bevuto cinque o più bicchieri di uno o più mix alcolici tutti insieme con l’obiettivo di ubriacarsi.

Già a undici anni si beve. Bere per bere: a qualunque ora e senza limiti. Un po’ come apparire in televisione, dà un gusto diverso alla vita. L’Italia ha il record, negli altri paesi s’inizia a tredici anni. Si beve in modo smodato poiché l’alcol è usato per sballare. Sono ragazzi apparentemente normali che vanno a  scuola anche con risultati sufficienti; è difficile distinguerli dagli altri, se non vengono visti durante la sbronza. Ma questa realtà non ha niente di normale, alcuni le fanno passare per semplici ragazzate, quasi come fossero goliardici e innocenti riti di iniziazione per entrare nel mondo degli adulti. In realtà il binge drinking (le ‘abbuffate alcoliche’ di chi beve diversi bicchieri in rapida successione per stordirsi e ubriacarsi) possono portare a sviluppare una vera dipendenza, soprattutto tra i più giovani. Ad averlo dimostrato è lo studio effettuato presso la fondazione Policlinico universitario Gemelli – Università Cattolica, condotto dai professori Giovanni Addolorato (direttore dell’Unità operativa semplice di area patologie alcol correlate dell’Università Cattolica) e Antonio Gasbarrini e pubblicato sulla prestigiosa rivista Scientific Reports del gruppo editoriale di Nature.

Il binge drinking è una modalità di assunzione di alcolici che nell’ultimo decennio si è notevolmente diffusa in Italia. Consiste nel bere oltre 4-5 unità alcoliche in un’unica occasione e in breve tempo, lontano dai pasti e per avvertire gli effetti psicotropi del cosiddetto ‘sballo’. Una unità alcolica, pari a 12,5 grammi di etanolo, corrisponde a 125 millilitri di vino a media gradazione – quindi un bicchiere – o 330 ml di birra – una lattina o una bottiglia – o 30 ml di super alcolici – un bicchierino da bar. Finanziato dalla fondazione Roma e dalla Fondazione italiana per la ricerca sulle malattie epatiche, lo studio ha coinvolto 2.704 giovani di età compresa tra i 13 e i 20 anni delle scuole superiori della Capitale e di altre città del Lazio: i ragazzi hanno compilato questionari per valutare il loro consumo di bevande alcoliche, di fumo, l’uso di droghe e il quadro psicologico individuale.

I dati emersi sono gravi e sorprendenti. Innanzitutto circa l’80% del campione ha dichiarato di consumare bevande alcoliche, anche se – va ricordato – in Italia la vendita di alcolici ai minori è vietata dalla legge. E poi, la maggior parte dei giovani coinvolti nell’indagine non era mai stata informata né dai familiari né dal personale sanitario circa i rischi connessi al consumo di bevande alcoliche in considerazione, soprattutto, della giovane età. Infine, la risposta alla domanda che ha dato il via alla ricerca: il 6,1% dei ragazzi presentava un disturbo da uso di alcol, in particolare il 4,9% presentava una diagnosi di abuso di alcol mentre il rimanente 1,2 % presentava addirittura una vera dipendenza. «La quota dei ragazzi con diagnosi di alcol–dipendenza era esclusivamente presente nel gruppo di giovani abituati al binge drinking – osserva Addolorato – mentre era assente in chi non era solito a questo comportamento. Insomma, le abbuffate alcoliche sono un fattore di rischio molto forte per lo sviluppo di dipendenza nei ragazzi». Un messaggio di pericolo per educatori e genitori, che sono chiamati a non sottovalutare eventuali segnali: «L’alcol – conclude Addolorato – nei giovanissimi crea danni importanti a livello fisico, non solo al fegato, ed è causa di sterilità maschile e femminile, di tumori, di problemi cerebrali e neurologici. Ma rende anche i giovani più vulnerabili, inclini a fare o subire violenza».

Lo studio è stato condotto a Roma, ma il fenomeno è del tutto trasversale a livello nazionale ed è superiore alle tendenze europee, considerando anche i paesi del Nord dove l’abuso di alcol è tradizionalmente più diffuso. «Il binge drinking non è piu di moda in Inghilterra. I ragazzi – spiega Emanuele Scafato, vicepresidente della Federazione europea delle società sulle dipendenze (Eufas) – stanno adottando abitudini diverse ed è considerato più trendy saper cucinare o mangiare bene. Sarebbe necessario cavalcare culturalmente questa tendenza, impegnandosi per conoscere a fondo la loro cultura e utilizzando linguaggi appropriati. I giovani non temono i rischi per la salute, gli incidenti, le malattie ma l’esclusione da parte del loro gruppo sociale. E su questo bisogna lavorare». I drammi emergono poi nei pronto soccorso, dove i ragazzi che hanno abusato di alcol arrivano in condizioni estreme. Eppure, in questi casi, non esistono protocolli condivisi di intervento: «I giovani non vengono presi in carico e inseriti in una rete di protezione. Basterebbero cinque minuti di colloquio per contribuire a incrementare la consapevolezza del pericolo e soprattutto a capire se è stata una bravata o è il segnale di una gravissima abitudine. L’alcol è ancora la prima causa di morte giovanile in italia. Non bisogna mai dimenticarlo».

 

Previous L'Italia a Expo 2020, Fioramonti: "Saremo tra i pionieri del 'brand education'"
Next Renzi dalla Leopolda: "alle elezioni l'obiettivo minimo di Iv è la doppia cifra.Salvini puntava a eleggere il nuovo capo dello Stato. Qui niente populismi, no a un'alleanza strutturale con M5S"

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Franco Di Mare ‘le fake news sono un pericolo per la democrazia’. Il giornalista, vicedirettore di Rai 1, all’Unifortunato

Il tema delle fake news non riguarda soltanto l’informazione perché la manipolazione della realtà produce effetti devastanti, mettendo in pericolo la democrazia. E’ questo il principale messaggio emerso dall’intervento del

Approfondimenti

LA PIZZA CHE METTE D’ACCORDO NUTRIZIONISTI E BUONGUSTAI

La buona alimentazione non è per forza di cose nemica del gusto. Immaginate, ad esempio, una pizza – per molti il piatto più buono in assoluto – preparata con sette

Approfondimenti

Napoli e Ny di nuovo unite nel nome della pizza

Per il secondo anno Napoli e New York sono di nuovo unite nel nome della pizza. Al via il 5 e 6 ottobre nella Little Italy del Bronx la seconda

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi