“Giovani in Corsa”: under 35 attivi a Napoli contro De Magistris

I giovani e la politica, un argomento che è stato spesso protagonista di molte discussioni, che si sono sempre diramate su due poli opposti: c’è chi dice che i giovani siano troppo disinteressati alla politica e chi invece, che la politica non faccia niente per avvicinare i giovani. In questo panorama esistono però diverse iniziative e associazioni guidate da giovani, che s’interessano di politica e perché no, di politica sperano di potersi occupare in futuro. Una di questa è l’associazione Giovani in Corsa di Napoli che è nata con la volontà di non rassegnarsi al declino della propria città e della sua giunta comunale. Loro si definiscono un think tank, ovvero un serbatoio d’idee, idee che nascono nella loro sede di uno storico palazzo di Via Crispi, idee che vogliono cambiare Napoli, che cercano soluzioni per i problemi più disparati di una città che n’è ormai devastata. E’la prima associazione su Napoli, presieduta dal giovanissimo Crescenzo Mariniello, a essere apertamente contro il sindaco De Magistris ed è proprio a questo scontro che s’ispirano le innumerevoli iniziative dei Giovani in Corsa. Ricordiamo un simpatico video girato percorrendo l’intera ciclabile di Napoli per evidenziarne i problemi pratici e l’incompletezza della stessa, video che è girato su tutti i principali Social Network, strumenti di cui i Giovani in Corsa si servono per pubblicizzare la loro “propaganda”.

Maurizio Gasparri ha voluto incontrare i Giovani in Corsa nella loro sede, per parlare del rapporto tra la politica e i giovani e per augurare un in bocca al lupo a questo gruppo under 35 che ha deciso di scendere in campo attivamente per migliorare la propria città. “Oggi è difficile avvicinare i giovani alla politica, voi invece avete fatto un ottimo lavoro, che sto seguendo da tempo. Sono convinto che la politica debba incontrarsi con le nuove generazioni e che ci debba essere un mix di modernità, accanto alla spinta telematica, però, deve sempre esserci la tradizione”.

Alla domanda riguardo cosa ne pensasse del sistema politico attuale ha risposto: “ Continuo a credere in un sistema politico bipolare per questo sono ancora con Forza Italia, partitini che nascono sulla scia di una protesta lasciano il tempo che trovano”.

Quando invece gli è stato domandato di esprimersi sull’attuale giunta di Napoli capeggiata da De Magistris, ha detto: “ De Magistris anche, è stato eletto sulla scia di una protesta, ha avuto voti da democratici, democristiani, moderati e persone arrabbiate, così è riuscito a vincere ma l’esito che  ha ottenuto, è inutile descriverlo perché lo conosciamo tutti”.  Parole queste che chiaramente esprimono un totale dissenso per una situazione amministrativa, quella partenopea, che urge interventi reali volti a migliorare lo stato attuale della città.

Gasparri ha così salutato i membri dei Giovani in Corsa: “V’invito a perseverare. Mi auguro che questo think tank prosegua e che possa essere il motore decisivo di una futura amministrazione”.

Il presidente Mariniello si è detto molto entusiasta di questo incontro e lui, così come l’intero gruppo, è determinato a continuare questo lavoro sul territorio, proponendo sempre nuove iniziative che con il supporto degli attuali mezzi di comunicazione, si speri sensibilizzino sempre più persone.

Un’esperienza, quella dei Giovani in Corsa, senz’altro positiva, in un panorama attuale in cui spesso i giovani sono ai margini del susseguirsi degli eventi, quando invece dovrebbero essere i protagonisti della spinta verso il futuro.

Previous Religiously correct: tutti a Messa e poi?
Next Terra dei Fuochi, esperti a confronto

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Edilizia: l’internazionalizzazione delle PMI parte dall’Europa. Missione a settembre dell’Ance a Lussemburgo, Bruxelles e Londra

Le imprese italiane del settore costruzioni e le opportunità offerte dall’Unione europea e dalle sue istituzioni. Una missione strategica per approfondirne ulteriormente la conoscenza e per veicolare idee e richieste

Qui ed ora

CAMPANIA,CIRILLO(MOV5S):”CRITICITA’ AL CASTELLO ARAGONESE DI BAIA,NOSTRA INTERROGAZIONE.”

“Il Castello aragonese e il Museo archeologico di Baia a Bacoli devono diventare attrattori culturali e turistici ed essere parte integrante di un più vasto itinerario Campi Flegreo”. Lo dice

Qui ed ora

PAOLUCCI,BOSSA,PICCOLO E GAMBARDELLA SMENTISCONO DANIELE SULL’APPOGGIO A DE MAGISTRIS

A pochi giorni dal ballottaggio a Napoli,nel PD aumentano dubbi e malessere,dopo lo smacco del primo turno.Il Partito non ha dato indicazioni di voto,chiara scelta per votare scheda bianca o

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi