Giuseppe Borrelli: “La rappresentazione del crimine organizzato che viene data in ‘Gomorra’ è una rappresentazione folcloristica”

La fiction Gomorra è partita ufficialmente lo scorso 17 novembre e come ogni stagione si porta con sé critiche positive e negative. Anche per quest’anno si è confermato un format seguito da numerosi italiani, soprattutto è una serie che trova molti riscontri tra i più giovani. Quest’ultima fascia è propria quella più soggetta a facili emulazioni e che più si lascia suggestionare. Inerente alla questione il procuratore aggiunto antimafia Giuseppe Borrelli, capo della Dda di Napoli, durante ad un convegno svolto a Bologna sulla tematica “Come le mafie persuadono i giovani” ha risposto ad alcune domande degli studenti, tra di queste vi era una incentrata su Gomorra.

“La rappresentazione del crimine organizzato che viene data in ‘Gomorra’ è una rappresentazione folcloristica. Gomorra è sufficiente a spiegare il fenomeno o è una rappresentazione tranquillizzante che limita la nostra percezione del fenomeno mafioso? La camorra è solamente traffico di droga, omicidi ed estorsioni o invece quelle rappresentate sono le azioni di una camorra passata che in realtà si evolve e che non vuole essere vista e nemmeno raccontata? La camorra dovrebbe essere rappresentata per quello che è: ha fatto un salto profondo rispetto a dieci anni fa, non c’è più un rapporto di contiguità con la parte politica dell’amministrazione, oggi esprime propri rappresentanti in regioni, province e comuni. Fornire quel tipo di rappresentazione ha in sé l’elemento della pericolosità di distogliere da questa nuova configurazione della camorra”. 

Previous GENTILONI: "I POSTI DI LAVORO POTREBBERO PASSARE DAI 10 MLN DEL 2016 AI 30 MLN DEL 20130"
Next FEYENOORD-NAPOLI ,LA CONFERENZA PRE-GARA DI SARRI E MERTENS:" VOGLIAMO LA VITTORIA .QUESTA PARTITA CI DIRA' SE SIAMO UNA GRANDE SQUADRA"

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Gesù si è fidato di Giuda

di José María CASTILLO L’ultimo scandalo che è scoppiato in Vaticano fa tremare coloro che si fidano del papa. Allo stesso modo e nella misura in cui fa godere coloro

Officina delle idee

CALABRIA, BASILICATA E CAMPANIA UNITE PER CREARE IL “PARCO DEL MEDITERRANEO”

L’unione delle aree protette della Basilicata, della Campania e della Calabria può portare alla creazione del “Parco del Mediterraneo”, ovvero a uno dei più grandi spazi, in Europa, in cui

Officina delle idee

“CAMPANIA 2014/2020: SVILUPPO, AGRICOLTURA E AREE INTERNE, LA ROAD MAP DEI FONDI EUROPEI”. A BUCCIANO(BN), UNA TAVOLA ROTONDA ORGANIZZATA E PROMOSSA DAL LOCALE CIRCOLO DEL PD

“Campania 2014/2020: sviluppo, agricoltura e aree interne, la road map dei fondi europei”, questo il tema della tavola rotonda che si è tenuta nella serata di sabato 22 ottobre presso

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi