Good Morning Vietnam: grazie Robin

Se muore un attore, il suo ricordo è per noi tutto inscritto nei personaggi che abbiamo amato. Dimenticando che questi sono frutto solo della sua abilità interpretativa e della fantasia degli sceneggiatori che quel personaggio hanno inventato ed animato.Ma è così che si distingue un attore cane da uno che diventa un grande. L’attore superlativo annulla totalmente il suo essere, la sua indole, la sua cultura, la sua educazione ed il carattere, spersonalizzandosi e rendendosi totalmente disponibile a “sentirsi” un altro.Ed ecco che svestiti i panni di “capitano mio capitano” dell’attimo fuggente, indossi quelli di Peter Pan (dell’illusione e il sogno di tutti noi di restare bambino) per poi vestire quelli del medico Patch Adams e poi ancora diventare addirittura una tenerissima zia in Mrs. Doubtfire. E poi ancora speaker di una radio in Good Morning Vietnam o Popeye o Jakob il bugiardo (che mentiva a se stesso prima che agli altri) per poi diventare L’uomo bicentenario o l’alieno Mork che con la tua mano ci saluta “nano nano” e cento altri.

In un turbine di emozioni sempre diverse ma sempre uguali. In una immedesimazione che può confondere e che può dare l’illusione di aver vissuto non una ma mille vite, mille amori, mille emozioni, mille visioni del mondo, mille trasformazioni fisiche per adattare il proprio corpo al personaggio da interpretare, mille esperienze, seppure condensate e trasmesse ai posteri in un ora e mezza di celluloide e un barattolo di pop Corn.

E mentre noi ne abbiamo goduto e ci siamo emozionati, l’attore a un certo punto si ritrova vecchio, il grande attore più vecchio di chiunque altro. Voltandosi indietro potrà confondersi rischiando di mischiare anch’egli ciò che è stata la propria vita con ciò che il mondo spietato di Hollywood gli ha creato di volta in volta intorno e potrà non distinguere tra copioni e battute, attacchi di panico e disperazione, bottiglie di whisky e statuette dorate sul mobile in salotto, la prima fidanzata con l’ennesima ultima compagna, i figli ed i nipoti.

Ed è così che può succedere che se da un lato la sorte ti ha offerto l’opportunità di “vivere” mille altre vite è allo stesso modo che ti sottrae l’unica vita vera che hai realmente posseduto, perché questa, fatti i conti, ti sarà sembrata inutile o comunque secondaria. Cosi come da clausola scritta piccola piccola in basso, nel contratto stipulato con il crudele mondo quando eri soltanto un vulcanico ed originale giovane spensierato attore di belle speranze. Grazie per il sacrificio. Grazie per le emozioni.

Good morning Vietnam!

Previous A Pompei tutti cercano Renzi, ma lui, forse, non passa nemmeno per un caffè
Next Rosso Immaginario: storie dall'antica Grecia lette attraverso le figure rosse dipinte sui crateri di Caudium

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

DRAGHI: LE PAROLE HANNO FATTO DANNI, I TASSI SONO AUMENTATI

“Ho detto che le parole hanno fatto danni, perché le famiglie e le imprese pagano tassi più alti di prima, oltre per quanto riguarda le imprese a garanzie e clausole

Officina delle idee

 Un nuovo tratto dell’acquedotto Augusteo del Serino è stato presentato a Napoli

Un nuovo tratto dell’acquedotto Augusteo del Serino è stato presentato dall’associazione Celanapoli, impegnata nello studio del paesaggio antico a nord dell’antica Neapolis.  I responsabili spiegano: “Un rinvenimento ed una identificazione

Officina delle idee

FORUM DEL GIORNALISMO MUSICALE: IL 5 E 6 OTTOBRE LA NUOVA EDIZIONE AL MEI DI FAENZA

Si comincerà sabato 5 ottobre dalle 14 con l’assemblea dell’AGIMP, l’Associazione dei Giornalisti e critici Italiani di Musica legata ai linguaggi Popolari.  L’Agimp nasce da un’idea lanciata nel 2016 durante

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi