Grave furto in basilica a Ischia, denunciati due giovani del luogo

Due giovani  di 28 e 29 anni, sono stati denunciati dai Carabinieri per il furto di monili d’oro sottratti dalla statua di Santa Restituta, patrona dell’isola d’Ischia, all’interno della chiesa di Lacco Ameno. Quindi per uno  l’accusa è di furto, per l’altro di ricettazione.
Gli oggetti d’oro che vengono esposti con la statua della santa in occasione della festa patronale, sono stati rubati  dalla Basilica. Grazie ai filmati della videosorveglianza del vicinato, i carabinieri hanno individuato uno degli autori del delitto, trovano in possesso alcuni dei monili; la restante parte della refurtiva è stata successivamente e spontaneamente restituita. Attraverso un’ulteriore attività investigativa, i carabinieri hanno accertato che parte dei preziosi, prima della restituzione, era stata ceduta al titolare di una gioielleria di Forio. Alla fine  i monili rubati, due orecchini, tre medaglie in oro, tre bracciali ed una collana in oro, sono stati restituiti al parroco.

Previous "Passeggiata tra il liberty ed il bel canto” . Nel borgo di Chiaia alla scoperta dei primi palazzi liberty e nello storico “Nuovo Teatro Sancarluccio” per un gustoso aperitivo ed un Concerto Musicale
Next CITTA' DEL VATICANO ,STUDENTI DI SCAMPIA IN VISITA AI MUSEI VATICANI PER IL PROGETTO "DIGNITA' E BELLEZZA "

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

GLOBULI AZZURRI,con Samuele Ciambriello e Mary D’Onofrio, appuntamento fisso ogni Lunedì,dalle 19,30 su Julieitalia e Sky819

Due risultati su tre a Lisbona: vincere o pareggiare. Il Napoli non puo’ fallire. Ma se guardiamo al passato, i ricordi non sono tanto positivi. Allo stadio da Luz contro

ultimissime

Dazi Usa al 25% su parmigiano, liquori, cozze e pecorino. Di Maio: “Difenderemo le aziende italiane”

I dazi americani sul made in Italy, che scatteranno il 18 ottobre, colpiranno con una tassa del 25% pecorino romano, parmigiano reggiano, provolone, cozze e liquori. Da quanto risulta dall’elenco pubblicato dalle

ultimissime

UE : SE L’ITALIA NON PAGA I CONTRIBUTI, IN ARRIVO DELLE PENALITA’

“Tutti gli stati dell’Ue si sono assunti l’obbligo di pagare i contributi nei tempi stabiliti. Tutto il resto sarebbe una violazione dei trattati che comporterebbe penalità”: così il commissario Ue

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi