Gravi danni al Pianeta, rischio per milioni di morti premature

Il danno al pianeta è talmente grave che la salute delle persone sarà sempre più minacciata a meno che non venga intrapresa un’azione urgente. L’allarme arriva da uno studio di 250 scienziati dell’Onu in cui si avverte che o si aumentano drasticamente le protezioni ambientali o città e regioni in Asia, Medio Oriente e Africa potrebbero vedere milioni di morti premature entro il 2050. Il rapporto avverte anche che gli inquinanti nei nostri sistemi di acqua dolce possono essere una delle principali cause di morte.

Lo studio, il sesto Global Environmental Outlook delle Nazioni Unite, pubblicato mentre i ministri dell’Ambiente di tutto il mondo si trovano a Nairobi per partecipare al forum ambientale di più importante del mondo, spiega che l’inquinamento dell’acqua dolce sarà provocato dalla resistenza antimicrobica. Inoltre, gli interferenti endocrini (che cioè alterano la normale funzionalità ormonale dell’apparato endocrino), avranno un impatto sulla fertilità maschile e femminile, così come sullo sviluppo neurologico dei bambini.

Previous Greta Thunberg, sedicenne attivista candidata al premio Nobel
Next GOLF ,MOLINARI :" SONO ORGOGLIOSO DI QUANTO SONO RIUSCITO A FARE "

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

ISTAT , AUMENTO DEL PIL

Nel secondo trimestre il Pil italiano, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è salito dello 0,2% sul trimestre precedente e dell’1,1% su base annua. Lo comunica l’Istat, in

Economia e Welfare

Istat: un milione di famiglie senza lavoro

Il numero delle famiglie senza redditi da lavoro scende (-1,4%) passando dalla media del 2016 a quella del 2017, anche se risulta ancora sopra il milione, precisamente a quota 1

Economia e Welfare

ROAD MAP ANTICAMORRA

Venerdì 19 febbraio 2016, nella sede del Comune di Torre Annunziata in via Schiti, il Sindaco Giosuè Starita , sottoscriverà la Road Map Anticamorra proposta da Libera Associazione Antimafie, Presidio

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi