«GREEN DEAL, SERVONO INVESTITORI»

L’Unione europea si è impegnata a diventare il primo blocco di Paesi al mondo a impatto climatico zero entro il 2050. Obiettivo che richiede notevoli investimenti, sia pubblici (a livello dell’UE e degli Stati membri), sia privati. Il piano di investimenti del Green Deal europeo  farà leva sugli strumenti finanziari dell’UE  per mobilitare investimenti pubblici e fondi privati che si dovrebbero tradurre in almeno 1.000 miliardi di euro; somma che potrebbe triplicare grazie all’apporto dei privati.

Obiettivo, mantenere il riscaldamento globale entro i limiti di non più di un grado e mezzo rispetto all’epoca preindustriale.

Non solo ambiente, ma anche economia e ricerca. La trasformazione prevista dal Piano Green Deal porterà allo sviluppo di nuove tecnologie per quanto riguarda trasporti, costruzioni, economia circolare; le Università dovranno preparare i giovani a nuove specializzazioni.

L’ UE diventerà leader a livello mondiale. Sebbene tutti gli Stati membri, le regioni e i settori economici e sociali debbano contribuire alla attuazione del piano, la portata della sfida non è la stessa per tutti: alcune regioni saranno particolarmente coinvolte e subiranno una profonda trasformazione socioeconomica. Il meccanismo per una transizione equa e sostenibile fornirà loro sostegno pratico e finanziario su misura al fine di aiutare aziende e lavoratori colpiti dall’uscita dall’economia del fossile (carbone, petrolio, gas) e generare gli investimenti locali necessari.

Ambizioso il piano, grandi i problemi da risolvere. Basti osservare che in tutti i paesi dell’est la costruzione di centrali a energia solare o eolica è praticamente nulla. Ma il capitale politico speso dalla nuova Commissione sul Green Deal e la sempre maggiore popolarità di misure del genere hanno convinto diversi osservatori europei del fatto che il piano di von der Leyen non finirà nel nulla, come invece è capitato in passato a diverse ambiziose iniziative europee.

Domanda d’obbligo: e i mezzi finanziari ? Innanzitutto i mille miliardi non provengono integralmente da fondi europei, ma sono una stima dei fondi che potrebbero essere ‘mobilizzati’: saranno in piccola parte fondi europei e in gran parte soldi provenienti da privati “indirizzati” dai bandi, dai cofinanziamenti e dai prestiti europei.

A cura di Achille Colombo Clerici

Previous LA COMPAGNIA NAZIONALE GIOVANI DANZATORI AL TEATRO DON BOSCO DI CASERTA
Next SANNIO FALANGHINA 2019, PASSAGGIO DI TESTIMONE AD ARANDA DE DUERO 2020

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Ospedali in Italia, non abbastanza bilingue? Anche i servizi d’emergenza come il “118” sprovvisti di personale che conosce almeno l’inglese

Non si contano le segnalazioni allo “Sportello dei Diritti” da parte di cittadini stranieri, non solo extraUe, che lamentano la scarsa o inesistente conoscenza di lingue straniere, almeno l’inglese, quando

Economia e Welfare

Vinitaly: spazio all’eccellenza campana

«Essere a Vinitaly è una importante opportunità per la Campania. E quest’anno ci saremmo con molta più partecipazione e con iniziative con le quali accompagneremo i nostri produttori. Sono 117 le

Economia e Welfare

CARCERE DI SANTA MARIA CAPUA A VETERE: EROGATI 2 MILIONI DI EURO PER RISOLVERE I PROBLEMI IDRICI MA I DETENUTI SONO ANCORA SENZA ACQUA

Da più di due anni è stata riscontrata la mancanza di acqua potabile nelle celle dei detenuti del carcere di Santa Maria Capua a Vetere. La direzione del carcere cerca

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi