Guai per la Lega: Arrestato Paolo Arata

Se il buongiorno si vede dal mattino quello di questa mattina per la Lega sicuramente non è un buon buongiorno. La causa di questo malcontento è l’arresto di Paolo Arata, ex consulente della Lega per l’energia ed ex deputato di Fi, e il figlio Francesco. Sono accusati di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni. Sarebbero soci occulti dell’imprenditore trapanese dell’eolico Vito Nicastri, ritenuto dai magistrati tra i finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro.  L’arresto è stato disposto dal gip di Palermo Guglielmo Nicastro su richiesta della Dda guidata da Francesco Lo Voi. Gli Arata sono indagati da mesi per un giro di mazzette alla Regione siciliana che coinvolge anche Nicastri, tornato in cella già ad aprile perché dai domiciliari continuava a fare affari illegali. Nel business c’erano anche gli Arata che, secondo i pm, di Nicastri sarebbero soci. Oltre che nei confronti dei due Arata il giudice ha disposto l’arresto per Nicastri, la cui la misura è stata notificata in carcere in quanto già detenuto, e per il figlio Manlio, indagati pure loro per corruzione, auto riciclaggio e intestazione fittizia. Ai domiciliari è finito invece l’ex funzionario regionale dell’Assessorato all’Energia Alberto Tinnirello, accusato di corruzione. Una tranche dell’inchiesta nei mesi scorsi finì a Roma perché alcune intercettazioni avrebbero svelato il pagamento di una mazzetta, da parte di Arata, all’ex sottosegretario alle Infrastrutture leghista Armando Siri. In cambio del denaro Siri avrebbe presentato un emendamento al Def, poi mai approvato, sugli incentivi connessi al mini-eolico, settore in cui l’ex consulente del Carroccio aveva investito. A Palermo invece è rimasta l’indagine sul giro di corruzione alla Regione siciliana che oggi ha condotto all’arresto degli Arata e dei Nicastri. Tutti al centro, secondo i pm di Palermo, di un giro di tangenti che avrebbero favorito Nicastri e il suo socio occulto nell’ottenimento di autorizzazioni per i suoi affari nell’eolico e nel bio-metano. Ai regionali sarebbero andate mazzette dagli 11 mila ai 115 mila euro.

Previous PAPA FRANCESCO: CONVOCATA UNA RIUNIONE DEI RAPPRESENTATI PONTIFICI
Next Arrestato Alessandro Proto per truffa: "sottratti 130 mila euro a donna disabile"

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Luigi Di Maio , candidato premier M5S contro la legge elettorale:”Noi del movimento faremo di tutto per fermarla”

Questa mattina presso il mercato storico Ballarò di Palermo , il candidato premier  del M5S, Luigi Di Maio , si è espresso sfavorevole , a riguardo della legge elettorale e

ultimissime

A New York la polizia uccide in strada un nero disarmato, vittima di bipolarismo

“Il sospetto ha stretto con due mani un oggetto assumendo una posizione di tiro mentre gli agenti si avvicinavano”, ha dichiarato un portavoce della polizia, Terence Monahan, aggiungendo che a

ultimissime

MALTEMPO IN CAMPANIA :SCATTA L’ALLERTA

Il Maltempo si abbatte sulla Campania !Infatti , la Protezione civile della Regione  ha diramato un Avviso di Allerta meteo valevole dalle 10 alle 20 di domani per piogge e

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi