I crocifissi di oggi

Le carceri napoletane e i paesi africani sono le “croci” del nuovo millennio. Storie che si incrociano con in mezzo gli ultimi degli ultimi, emarginati dalla nostra società e abbandonati dalle società occidentali.

Gli istituti di pena in Italia, come è noto, vivono da anni un grande periodo di difficoltà: molto affollate, con istituti vecchi ed in alcuni casi in pessime condizioni igienico-sanitarie e con situazioni di detenzione che vanno peggiorando.

«Abbiamo iniziato, tempo fa, – ha detto Lidia Ronghi – un percorso con le tossicodipendenti, che sono le ultime delle ultime. Tra i tanti corsi che abbiamo messo in campo ci sono quelli sartoriali, sempre con l’obiettivo di un reinserimento nella società, dove le ragazze si ritroveranno sempre come le ultime. Almeno nell’istituto penitenziario si è tutti uguali».

“Il vangelo dietro le sbarre” è il racconto di uomini e donne presenti tra i detenuti di Poggioreale. «La nostra esperienza in carcere – ha dichiarato lo scrittore del libro, Antonio Spagnoli – è stata significativa. Abbiamo coinvolto i ragazzi anche con colloqui individuali e catechesi per fargli avere un confronto con esperienze diverse da quelle carcerarie. Il libro è un insieme di racconti di storie vissute».

A Napoli, però, una luce per i più deboli c’è: la “Casa di Tonia” voluta dal cardinale Crescenzio Sepe. È un centro accoglienza e di solidarietà dove trovano aiuto le ragazze madri o le famiglie che non arrivano a fine mese. Si accolgono le richiese dei più poveri per dare sollievo.

Dal Sud Italia all’Africa il passo è breve, specie se con l’associazione Africa Mission. «L’anno scorso sono stata in Uganda – ha raccontato Sara Lampariello – tre settimane, a dare il mio aiuto a chi è nato senza nulla. È stata l’esperienza più bella della mia vita. L’associazione si occupa di costruzione pozzi d’acqua nelle immediate vicinanze dei villaggi, di costruzione di scuole, di alloggi e di ospedali. Noi abbiamo portato un sorriso a bimbi che non hanno nulla ed in cambio ho imparato il valore delle piccole cose, dei gesti, della vita».

Previous Sanità: le ombre della giovane Campania
Next Tablet al posto delle costruzioni: così svanisce l'infanzia

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

OGGI ACCADDE : 4 DICEMBRE . DALLO SCIOGLIMENTO DEI LED ZEPPELIN ,ALLA FONDAZIONE DEL QUOTIDIANO “AVVENIRE “ , FINO AD ARRIVARE ALLA VITTORIA DEL NAPOLI CONTRO LA ROMA

Il 4 Dicembre  è una data ricca di avvenimenti  storici , politici , culturali ed anche sportivi, che hanno caratterizzato e resa importante questa giornata . Un evento da ricordare

Officina delle idee

UN’AZIENDA SVIZZERA INVENTA LA SEDIA DA INDOSSARE PER SEDERSI DOVE E QUANDO VUOI

Una nota Azienda svizzera ha creato un sistema che permetterà di sedersi ogni volta che noi vogliamo: questa invenzione si chiamerà “Chairless Chair”, l’invenzione, il quale somiglia a una sorta

Officina delle idee

GRILLO E QUELL’IMMAGINE SUL BLOG, MANCA IL BUON SENSO?

Dopo la vicenda di Charlie Hebdo, parlare di libertà di espressione, di satira, di opinioni politiche e di credo religiosi è diventato un diritto e un dovere di tutti. Nel

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi