I futuri robot avranno la pelle che sente il vento

Tra le possibili applicazioni, le prime individuate dai ricercatori sono protesi in grado di garantire una percezione sempre più naturale. La nuova pelle elettronica è stata prodotta ricoprendo dei sensori magnetici con una membrana polimerica cava, nella cui parte superiore sono state incorporate delle perline magnetiche. In questo modo, quando si applica una pressione, la membrana viene spinta verso l’interno e le perline magnetiche si avvicinano al sensore: la resistenza così creata viene inviata a un circuito elettronico che converte il segnale in una serie di impulsi le cui frequenze sono proporzionali alla pressione esercitata.
Applicata ad un dito artificiale, la pelle elettronica ha dimostrato di essere così sensibile da generare impulsi in risposta a pressioni molto leggere, come quelle create dal movimento di una colonna di formiche

Previous Al via la ricollocazione sulla facciata di Palazzo d’Accursio dell’opera di Giuseppe Romagnoli “L’amor Patrio e il Valore Militare”
Next L’Olio delle Colline: i vincitori della XIV edizione

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Ad Artestate aria di festival

L’estate sta finendo, anzi è finita. Con l’equinozio di giovedì 22 settembre la stagione è cambiata. E si vede pure! Le condizioni metereologiche sono diventate instabili e le temperature non

Officina delle idee

Napoli, la Repubblica, la Monarchia: la lezione della Storia

Le terribili giornate del 1946 sono ancora presenti alla mia memoria, come se fossero accadute ieri. A Napoli la lotta tra Monarchia e Repubblica era drammatica e ricadeva quasi completamente

Officina delle idee

La Galleria Stefano Forni presenta Il catalogo della mostra RubraRebour personale di Giorgio Bevignani a cura di Silvia Grandi

In occasione della Quattordicesima Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI, sabato 13 ottobre 2018, alle ore 18:30, presso la Galleria Stefano Forni di Bologna – Piazza Cavour, 2 – verrà presentato il catalogo della mostra RubraRebour di Giorgio Bevignani.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi