I GOVERNI DI 30 PAESI MANIPOLANO L’INFORMAZIONE ONLINE

Nel 2017  i governi di 30 Paesi hanno manipolato  l’informazione online, tramite  commentatori pagati, troll, bot, siti di news falsi e organi di propaganda, come sancito in  un rapporto del Think tank Freedom House sulla libertà online.
Si tratta di Russia e Cina, ma vi sono anche  Turchia, Venezuela e Filippine, Messico e Sudan. Nel 2016 i Paesi interessati erano 23.
Nel rapporto, si legge che i  governi stanno “aumentando marcatamente gli sforzi per manipolare l’informazione sui social media, minando la democrazia“, secondo cui la disinformazione ha avuto un ruolo importante nelle elezioni in almeno 18 Paesi nell’ultimo anno, tra cui gli Usa. Mentre, in Europa occidentale, il report segnala la presenza di fake news sulle elezioni nei 4 Paesi esaminati: Italia, Francia, Germania e Regno Unito. Tuttavia,  “I governi stanno ora utilizzando i social media per sopprimere il dissenso e far progredire un’agenda antidemocratica“, ha detto Sanja Kelly, direttrice. del progetto Freedom on the Net.

Previous NAPOLI, PALAZZO DI GIUSTIZIA: DIRITTI E DOVERI, UNA GUIDA PER TUTTI I DETENUTI
Next GLI AMANTI DI "HOLLY E BENJI- I DUE FUORICLASSE" AVRANNO, DOPO ANNI DI ATTESA, IL NUOVO LIBROGAME CHE RIPERCORRE LE LORO VICENDE

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Entro il 2016, quasi tutte le auto nuove avranno Internet

Un accesso a Internet può trasformare l’auto in un App Center. L’industria automobilistica vuole fare un decisivo balzo in avanti in tal senso. Entro il 2016, infatti, l’80 % delle

Approfondimenti

Camilo Mora “Il cambiamento climatico ha messo l’umanità su un cammino che diventerà sempre più pericoloso”

Da una ricerca fatta da un gruppo coordinato da Camilo Mora, dell’università delle Hawaii e pubblicata dalla rivista “Nature Climate Change”, è stata creata un’applicazione capace di calcolare, per ogni luogo della

Approfondimenti

Ministero della Salute libanese e Spagnolo: allerta su integratori alimentari “Red Deer”, ZR e Best, venduti on line.

Tramite il sistema d’allerta per alimenti e mangimi sul mercato internazionale è scattato un richiamo comunitario di sicurezza rilanciato in Libano dal Ministro della Salute, Wael Bou Faour di uno

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi