I MITI DI NAPOLI : LA LEGGENDA DELLA MADONNA DI PIEDIGROTTA

La chiesa di Santa Maria di Piedigrotta è oggi il fulcro del culto della Madonna a Napoli. Nella notte fra il 7 e l’8 settembre la famosa e folkloristica “Festa di Piedigrotta” celebra proprio la Natività della Vergine Maria. Per tradizione popolare, ogni 50 anni, la statua lignea della Madonna di Piedigrotta esce dalla Basilica per essere portata in processione per le strade della città. Un segno di affetto con la richiesta di intercessione per benedire la città di Napoli. Nel 2000, anno del giubileo, c’è stata una processione straordinaria della statua della Madonna. La statua è stata portata nella chiesa di San Francesco di Paola in Piazza Plebiscito e poi riportata in processione nella Basilica, percorrendo un tratto (da Santa Lucia a Mergellina) su una imbarcazione, ulteriore segno della venerazione che la gente di mare ha per la Madonna. Molte fonti storiche attestano che prima che la chiesa sorgesse, nel 1353, al suo posto esistesse una piccola grotta in cui era custodita in una piccola edicola votiva la statua lignea della Madonna con Gesù in braccio. Oggi l’effige è custodita all’interno della chiesa e le donne che sperano di trovar marito o in dolce attesa la omaggiano con ex voto a forma di scarpetta: il cosiddetto “scarpunciello d”a Maronna”. La strana forma della devozione deriva da un’antica leggenda riguardante la scultura. Come abbiamo detto, un tempo la Madonna riposava in una grotta custodita da alcuni frati. Bisogna ricordare anche che, un tempo, la spiaggia di Napoli arrivava fino al luogo dove attualmente sorge la chiesa. In una notte di tempesta tale frate Bernardino notò con sgomento che la statua era scomparsa dal suo posto abituale. Ovviamente, pensò subito ad un furto e corse a chiamare l’abate, ma, quando uscì dalla grotta vide la Vergine ritornare dalla spiaggia. La Madonna si avvicinò a Bernardino e gli sussurrò che era stata invocata da alcuni marinai in pericolo ed era accorsa per salvarli. Ammise anche di aver tolto una scarpetta perché piena di sabbia e di averla dimenticata. Detto ciò andò a riposizionarsi nell’edicola e si tramutò nuovamente in legno. Il frate notò subito che il mantello della statua era realmente bagnato e sulla spiaggia trovò la scarpa dispersa: raccolse la sabbia al suo interno in due ampolle che ancora oggi sono conservate nel santuario e rimise la calzatura al suo posto. Oggi, riportare simbolicamente lo “scarpunciello” alla Madonna di Piedigrotta significa chiedere dolcemente una grazia od una intercessione e molti marittimi si recano ancora oggi nel santuario per commemorare il miracolo compiuto in quella notte di tempesta. Oltre alla devozione ed alla fede, probabilmente la leggenda di Piedigrotta ha ispirato La gatta Cenerentola di Giambattista Basile, fiaba ripresa poi da Charles Perrault: lo scrittore aveva, infatti, visitato Napoli e quindi ben poteva conoscere la storia della scarpetta perduta.

Previous 1 MAGGIO: FESTA DEI SINDACATI NEL RICORDO DELLE VITTIME DI PORTELLA DELLA GINESTRA
Next NAPOLI, DRIES MERTENS: "CERTO CHE PENSO AL MIO FUTURO, MA NON POSSO DIRE ANCORA NULLA"

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Affaticamento da videochiamate: cos’è?

Siano benedette le videochiamate, surrogato di interazione sociale ai tempi della COVID-19. Ma se alla terza riunione su Zoom (o WhatsApp, Skype, GoToMeeting…) della giornata vi sentite sopraffatti non temete,

Approfondimenti

Germania: proiezione, Cdu perde 5,7 punti, Afd al 14,1%

Si attesterebbero al 14,1% i populisti dell’Afd nelle elezioni regionali di Berlino, secondo una proiezione diffusa alle 22.40 dal primo canale pubblico tedesco Ard che attribuisce alla Cdu della cancelliera

Approfondimenti

Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali ospedale-territorio

La Provincia Religiosa di San Pietro dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio – Direzione Sanitaria Ospedale Fatebenefratelli di Benevento, organizza Sabato 15 Novembre p.v. , alle ore 8.30, il

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi