I MITI DI NAPOLI : LA LEGGENDA DI COLAPESCE

La storia di Colapesce è un’antica leggenda appartenente alla cultura dell’Italia Meridionale tanto popolare da essere conosciuta in più varianti. Le prime attestazioni della leggenda risalirebbero al XII secolo grazie al poeta franco provenzale Raimon Jordan, che racconta di un “Nichola de Bar” che viveva come un pesce. Tra il XII e il XIII Walter Map narra di “Nicolaus“, soprannominato “Pipe” che viveva nel mare riuscendo a sopravvivere in acqua senza respirare. Il protagonista era solito avventurarsi tra i fondali per cercare cose preziose. Quando il re Guglielmo II di Sicilia volle conoscerlo morì tra le braccia di chi lo voleva portare dal Re.Un monaco inglese contemporaneo, Gervasio di Tilbury, scrisse di “Nicolaus“, soprannominato “Papa“, un abile marinaio pugliese, che fu obbligato dal re di Sicilia Ruggero II a scendere nel mare del Faro per esplorare gli abissi, ma dal mare non fece ritorno. Un altro frate, Salimbene de Adam da Parma, nel XIII secolo, raccontò una leggenda nella quale il re Federico II ordinò ad un nuotatore messinese di nome Nicola di riportargli una coppa d’oro, ubicata nel punto più profondo del mare. Secondo il racconto Nicola non portò a termine la sua missione e scomparve negli abissi. La leggenda di Colapesce è stata narrata da diversi autori italiani contemporanei come Italo Calvino nel libro “Fiabe Italiane” e dallo scrittore d’adozione napoletana Benedetto Croce in “Storie e leggende napoletane”. Croce racconta di Niccolò Pesce un giovane ragazzo che amava il mare e lì vi trascorreva tutte le sue giornate. Tuttavia la sua passione non era ben vista dalla madre che, un giorno, presa dalla disperazione, gli mandò una maledizione “che tu possa diventare un pesce!”. E così fu, Niccolò diventò mezzo uomo e mezzo pesce. Il ragazzo, addirittura, si lasciava ingoiare dai pesci più grandi e poi col suo coltello ne tagliava le viscere. La sua fama si diffuse in tutto il regno che persino il re volle incontrarlo per sapere com’era fatto il fondo del mare. Niccolò accolse la richiesta del re e dopo un’approfondita esplorazione, gli raccontò che era formato di giardini di corallo, ricco di tesori, pietre preziose, armi, scheletri umani e navi sommerse.

Previous AVELLINO.BERSANI LANCIA ART.1:"NON SCISSIONISTI MA ESPULSI.SIAMO ALTENATIVI ALLE DESTRE E SFIDIAMO IL MOV5STELLE."
Next PAPA FRANCESCO OGGI VA AL CUORE DI MILANO,PARTENDO DALLA SUA PERIFERIA.

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Papa, attenti a come trattiamo il corpo della donna

“Oggi, Giornata per l’eliminazione della violenza sessuale nei conflitti, ricordiamo che la donna racchiude in sé la custodia della vita, la comunione con tutto, il prendersi cura di tutto. Da

Officina delle idee

NEL CENTRODESTRA UNA NUOVA FASE ED UNA NUOVA LEADERSHIP SONO NECESSARIE

Le leadership “calate” dall’alto, le cooptazioni o le investiture “regali”, non interessano proprio più a nessuno. La storia recente ha dimostrato chiaramente che la gente vuole partecipare attivamente, vuole sentirsi

Officina delle idee

EMERGENZA SANITARIA IN NIGERIA: I DATI DI MEDICI SENZA FRONTIERE.

È in corso una catastrofica emergenza umanitaria in un campo per persone sfollate nel Borno State, in Nigeria. Lo dichiara MSF. Il 21 giugno un’équipe medica di MSF ha avuto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi