I PAPIRI DI ERCOLANO : IL PATRIMONIO LIBRARIO PIU’ ANTICO AL MONDO .

Ritrovati sotto una coltre di materiali piroclastici ad Ercolano, a circa 25 metri di profondità e sottoposti ad una temperatura tra i  300 e 320° C, i papiri di Ercolano scoperti nella metà del ‘700 durante gli scavi borbonici ad Ercolano, avviati nel 1738, rappresentano il patrimonio librario più antico del mondo. Ed è proprio grazie alla carbonizzazione causata dall’eruzione del Vesuvio che oggi siamo in grado di studiarli. Seppure molto fragili, i rotoli di papiro rinvenuti come tanti pezzi di legno avvolti nelle casse della biblioteca di Villa dei Papiri hanno dato un contributo fondamentale alla nostra storia. I papiri hanno reso possibile curare e studiare l’edizione dei testi non pervenuti tramite i manoscritti medievali. La biblioteca in cui furono ritrovati i rotoli di papiro era situata all’interno della villa dei Pisoni dal nome del proprietario Lucio Calpurnio Pisone che la fece costruire e grazie oll’opera filosofica di Filodemo di Gadara che, con la creazione della biblioteca, fece di Ercolano il maggior centro di diffusione di filosofia greca. Filodemo portò difatti con sé dalla Grecia un nutrito gruppo di scritti di Epicuro e dei suoi seguaci.  A differenza degli epicurei che ricercavano la felicità attraverso la conoscenza ed il sapere, Filodemo si avvicina anche alla poesia. Divenne un personaggio illustre nella società romana grazie al suo fondo librario: noto ad Orazio, a Virgilio dedicò alcuni suoi scritti, e suo interlocutore fu anche Lucrezio. L’importanza del suo fondo librario è testimoniata oltre dalla gran quantità di scritti che poi arsero con l’eruzione vesuviana del 79 d.C. ma dal fatto che la raccolta incrementò anche dopo la sua morte. Tra i rotoli di papiro fu infatti decifrato il “De bello Actiaco” di Lucio Vario Rufo sulla guerra di Marco Antonio e Cleopatra contro Augusto. La Villa dei Papiri, che tratteremo nel prossimo”capitolo”, era una meravigliosa residenza sul mare. Un lungo portico che abbracciava una natatio, ossia l’odierna piscina, ospitava statue e busti di filososfi, tra questi quelli Epicuro, del suo successore nella cura del Giardino, Ermarco di Mitilene, e di Metrodoro di Lampsaco, che insieme con Polieno furono collaboratori di Epicuro e della sua dottrina. Tra le più belle ville di tutta l’area archeologica vesuviana. Le opere sono ora visibili al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.  Come già detto, la villa doveva essere di proprietà della famiglia di Lucio Calpurnio Pisone Cesonino, console nel 58 a.C., protettore di Filodemo e avversario di Cicerone. La villa dei papiri è difatti anche nota coma villa dei Pisoni.

Previous TERRORISMO A GERUSALEMME:UCCISE TRE DONNE E UN UOMO,TUTTI SUI 20 ANNI.UCCISO L'ATTENTATORE DI HAMAS.
Next NAPOLI , LE MIGLIORI PASTICCERIE .

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

ANCORA EMERGENZA MIGRANTI: NUOVA FRONTIERA TRA AUSTRIA E ITALIA?

«Molti migranti sono arrivati e molti ne arriveranno. Dobbiamo essere molto preparati e meglio organizzati su questo. La situazione è molto cambiata rispetto al passato. E l’Europa è al fianco

Officina delle idee

Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con disabilità, le istituzioni e il sociale siglano il partenariato

Domenica 3 dicembre 2017 è dedicata alla “Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con disabilità”. Anche quest’anno, il Consiglio Regionale ha dato il Patrocinio alla Seconda Edizione della Giornata Regionale

Officina delle idee

IL CONSIGLIO INCARDINA TESTO UNIFICATO, NUOVE POLITICHE PER I GIOVANI

“Il testo all’attenzione dell’Aula riveste un particolare significato perché si rivolge alla parte più giovane della nostra comunità regionale e perché viviamo in Campania, la regione più giovane d’Italia per

1 Commento

  1. Ernesto Nocera
    05 Febbraio, 18:11 Risposta
    Manca nell'articolo un particolare fondamentale :I papiri ercolanensi sono custoditi nell'officina papiri della Biblioteca Nazionale a Palazzo Reale . Nell'officina i papiri vengono srotolati con l'ausilio di un macchinario inventato per la bisogna da un monaco . Man mano che vengono svolti vengono ricopiati e tradotti . La conoscenza che abbiamo di quei testi deriva da tale attività ormai secolare. Si tratta di una struttura unica al mondo . Ben nota agli studiosi ma pressoché ignorata dai napoletani.:L'invecchiamento del personale richiederebbe l'immissione di giovani studiosi da formare. Bisognerebbe sottoporre la questione al Ministro Franceschini . E' sperabile che qualche deputato napoletano ponga la questione in Parlamento.

Rispondi