I PENSIONATI TENDONO AD ACQUISTARE DI PIU’ CASE AD USO INVESTIMENTO

L’analisi delle compravendite realizzate  sul territorio nazionale nel secondo semestre del 2016 evidenzia che il 9,0% degli acquisti è stato effettuato da soggetti in pensione. Rispetto ad un anno fa (secondo semestre 2015) non si registrano variazioni significative della percentuale di acquisto da parte di pensionati, si passa infatti dal 9,3% al 9,0% attuale.
I pensionati nel 60,3% dei casi hanno comprato l’abitazione principale, nel 26,9% dei casi hanno comprato per investimento ed infine il 12,8% degli acquisti ha riguardato la casa vacanza. Rispetto ad un anno fa aumenta la percentuale di acquisti per investimento (+1,4%).

Restando su questo target di acquirenti si è constatato che solo il 9,3% degli acquisti è stato effettuato con l’ausilio di un mutuo, mentre il 90,7% della compravendite è avvenuto senza l’intervento da parte di istituti di credito.
Le richieste dei pensionati si sono concentrate maggiormente sui trilocali (35,4%), seguiti dai bilocali (29,0%) e dai quattro locali (13,6%); ville, villette, rustici, case indipendenti e semindipendenti compongono insieme l’11,3% degli acquisti.
Il 65,8% dei pensionati che ha acquistato  è coniugato o è comunque una coppia, il 17,1% è celibe/nubile, il 12,5% è vedovo e il 4,6% è separato/divorziato.
Spostando l’attenzione sui venditori risulta che quasi un terzo di coloro che hanno venduto casa nel secondo semestre del 2016 è un soggetto in pensione (29,6%). Il 65,8% dei pensionati ha venduto per reperire liquidità, il 20,8% per migliorare la qualità abitativa ed il 13,4% per trasferirsi in un altro quartiere o in un’altra città.

Previous AVELLINO , INCIDENTE A MONTEMILETTO :UN MORTO E QUATTRO FERITI
Next Iniziativa sportiva nel carcere di Secondigliano: il triangolare di calcio vinto dalla quarta sezione del reparto Mediterraneo.Il garante Ciambriello: "Approvare i decreti legge di riforma penitenziaria."

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Villaggio dei Ragazzi di Maddaloni: proclamato lo stato di agitazione

«Abbiamo deciso insieme ai lavoratori di proclamare lo stato di agitazione e di chiedere un incontro in Prefettura con tutte le istituzioni, Regione, Provincia e Comune, con quello che è

Economia e Welfare

La città dello sport. Il maestro Maddaloni ed il suo sogno per Scampia

Avrà un carattere duro il Maestro Maddaloni. Solo a sentirlo a telefono mette una certa soggezione. Del resto è un uomo abituato a lavorare, combattere e vincere. La sua idea

Economia e Welfare

FINALMENTE REGOLE CHIARE E TUTELE PER IL NO-PROFIT

di Stefano Lepri, senatore PD Il terzo settore diventa finalmente un soggetto giuridico, mentre finora se ne parlava dal punto di vista sociologico o economico. Associazioni di volontariato, cooperative sociali,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi