I ricercatori giapponesi scoprono una proteina umana inibitrice dell’HIV

Un gruppo di ricercatori giapponesi hanno scoperto che è un proteina trovata in esseri umani ha effetti inibitori sul virus dell’ immunodeficenza umana (HIV). Secondo i risultati del team di ricercatori dell’Istituto nazionale delle infezioni del Giappone, in particolare, le celle in cui si trova questo tipo di proteina, chiamata MARCH8, non infettano le cellule individuali sane. Lo ha riferito oggi l’emittente pubblica giapponese NHK. Uno degli scienziati che hanno partecipato alla ricerca, Kenzo Tokunaga, sta sviluppando in laboratorio un farmaco che aiuterà il corpo umano per produrre questa proteina che potrebbe curare i pazienti con HIV. Lo studio dell’Istituto Nazionale di infezioni in Giappone si è basata sulla coltivazione del virus dell’AIDS utilizzando cellule MARCH8. La scoperta migliora le probabilità che un vaccino diretto contro l’HIV sviluppato sulla base delle nuove scoperte sarebbe efficace. Secondo i dati dell’ UNAIDS, il Joint United Nations Programme on HIV and AIDS cioè il Programma delle Nazioni Unite per l’AIDS/HIV, potrebbero beneficiare di questa scoperta medica straordinaria 36,9 milioni di persone che sono portatori del virus dell’immunodeficienza acquisita, di cui 15,8 milioni ricevono un trattamento antiretrovirale.

Previous Inaugurazione dell’anno scolastico 2015-2016 della Scuola di Lingua e Cultura di italiano per immigrati della Comunità di Sant’Egidio
Next Burnich a Radio Club 91: “Inter - Napoli partita scudetto. Higuain? Calciatore con qualcosa in più”

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

LE VELE DI SCAMPIA, UN TEMPO LUOGO DI DEGRADO E POVERTA’

Delle Vele di Scampia (profonda periferia al Nord di Napoli), ne rimangono soltanto tre: Vela Verde, Vela Gialla e Vela Rossa, le altre quattro sono state già abbattute. Li dove per

Approfondimenti

Pesticidi: gli alberi di Natale possono essere tossici

L’Associazione per l’Ambiente e la Conservazione della Natura della Germania (BUND) lancia l’allarme per un potenziale pericolo per la presenza di pesticidi negli aghi degli alberi di Natale. In uno

Approfondimenti

TERRORISMO: LA COMMISSIONE EUROPEA RACCOMANDA LA RIMOZIONE DI CONTENUTI PERICOLOSI ON LINE

Il terrorismo colpisce ancora, ma questa volta lo fa senza armi, apparentemente, pericolose, lo fa attraverso il web. Attraverso quel mezzo che avvolge tutto il mondo e in cui, davvero,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi