I ROBOT VANNO A SCUOLA DI BUONE MANIERE PER IMPARARE A INTERAGIRE MEGLIO CON GLI UMANI

I robot vanno a scuola di buone maniere, per imparare ad interagire sempre meglio con gli umani. Lezioni di ‘bon ton’ sono in corso in Argentina, all’Università San Juan di Buenos Aires, dove si insegna a non invadere lo spazio personale degli interlocutori in carne ed ossa, mentre negli Stati Uniti, alla Kettering University in Michigan, si svolgono lezioni più pragmatiche per perfezionare le interazioni fisiche tra robot e umani.”Gli umani rispettano le zone sociali quando interagiscono fra loro: allo stesso modo anche un robot che segue un umano, come parte di una formazione, deve rispettare le zone sociali per migliorare la sua accettazione”, spiega il ricercatore argentino Daniel Herrera.

“Crediamo che questa personalizzazione dell’esperienza possa portare ad avere un sistema più intuitivo, dove l’intervento del robot si adatta alle performance e al comportamento del suo utilizzatore”, sottolineano gli esperti della Kettering University.

Previous A GRAGNANO E' POSSIBILE AMMIRARE IL PRESEPE ARTISTICO, UNA SUGGESTIVA OPERA FATTA DI STORIA E ARTE
Next ROMA: IN PROGRAMMA LA SETTIMA EDIZIONE DELL'ATLETICOM "WE RUN ROME"

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

La dieta mediterranea è la migliore al mondo, ha sbaragliato 35 alternative

Prevenzione e cura del diabete, mangiare sano, componenti a base vegetale e facilità a seguirla: sono questi i parametri che hanno portato la dieta mediterranea ad aggiudicarsi il premio di migliore alimentazione possibile, Lo

Approfondimenti

Usa: sempre più paesi vietano l’aborto con ordinanze comunali che vanno contro la Costituzione degli Stati Uniti

“L’aborto non è illegale in Texas. È solo praticamente impossibile”. Il titolo asciutto del Washington Post ad agosto 2019 ha esemplificato come il diritto di aborto non sia tale nello stato del petrolio USA,

Approfondimenti

Facebook-Apple, hanno una ‘lite’ sulla privacy

Alta tensione fra Apple e Facebook sulla privacy. Il social media rimuove dall’App Store la sua applicazione per la sicurezza Onavo Protect perché in violazione delle nuove norme sulla tutela

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi