I ROBOT VANNO A SCUOLA DI BUONE MANIERE PER IMPARARE A INTERAGIRE MEGLIO CON GLI UMANI

I robot vanno a scuola di buone maniere, per imparare ad interagire sempre meglio con gli umani. Lezioni di ‘bon ton’ sono in corso in Argentina, all’Università San Juan di Buenos Aires, dove si insegna a non invadere lo spazio personale degli interlocutori in carne ed ossa, mentre negli Stati Uniti, alla Kettering University in Michigan, si svolgono lezioni più pragmatiche per perfezionare le interazioni fisiche tra robot e umani.”Gli umani rispettano le zone sociali quando interagiscono fra loro: allo stesso modo anche un robot che segue un umano, come parte di una formazione, deve rispettare le zone sociali per migliorare la sua accettazione”, spiega il ricercatore argentino Daniel Herrera.

“Crediamo che questa personalizzazione dell’esperienza possa portare ad avere un sistema più intuitivo, dove l’intervento del robot si adatta alle performance e al comportamento del suo utilizzatore”, sottolineano gli esperti della Kettering University.

Previous A GRAGNANO E' POSSIBILE AMMIRARE IL PRESEPE ARTISTICO, UNA SUGGESTIVA OPERA FATTA DI STORIA E ARTE
Next ROMA: IN PROGRAMMA LA SETTIMA EDIZIONE DELL'ATLETICOM "WE RUN ROME"

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Scandalo Novartis: colosso farmaceutico multato per tangenti pagate alle farmacie

  La giustizia americana ha inflitto una multa di 390 milioni di dollari alla divisione statunitense di Novartis, accusandola di aver pagato tangenti e offerto sontuose cene a medici per

Approfondimenti

Robot sempre più umani, rischiano di avere pregiudizi

L’intelligenza artificiale diventa sempre più ‘umana’, nel bene ma anche nel male: dopo aver imparato a mentire, a bluffare nel poker e a ragionare come uno psicopatico, in futuro potrebbe

Approfondimenti

UNIVERSITA’: OGGI IL M5S IN 16 REGIONI PER IL FIRMADAY

Si conclude oggi, lunedì 29 febbraio, con il “FirmaDay” la campagna negli atenei italiani del Movimento 5 Stelle per chiedere l’abbassamento delle tasse universitarie e l’istituzione di una “no tax

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi