IDEATI DEI SUPERATOMI PER BATTERIE PIU’ EFFICIENTI !

Ideati superatomi per batterie più efficienti: sono basati su combinazioni di atomi che imitano le proprietà di gruppi di elementi della tavola periodica e sono in grado di scambiare gli elettronicon maggiore facilità. Il metodo per ottenerli è descritto sulla rivista Nature Communications dal gruppo dell’americana Virginia Commonwealth University guidato da Shiv Khanna.

Per funzionare, batterie e semiconduttori, ha spiegato Khanna, fanno affidamento sul movimento delle cariche da un gruppo di atomi a un altro. Durante questo processo, gli elettroni vengono trasferiti dagli atomi che donano a quelli che ricevono. “La costruzione di superatomi in grado di fornire o accettare più elettroni, pur mantenendo la stabilità strutturale – ha aggiunto – è un requisito fondamentale per la creazione di batterie o semiconduttori migliori“.

Poiché i semiconduttori sono usati in ogni dispositivo elettronico, dai computer agli smartphone, “questi superatomi – ha osservato Khanna – rappresenterebbero un significativo vantaggio per la società”.

Previous Agenzia delle Entrate e Riscossione: Hanno raggiunto i 7,5 miliardi gli incassi della 'rottamazione' 2016
Next Festival Comunicazione, 35 mila le presenze

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Apple, arriva nuovo iPad con Face ID e senza cornici

All’evento Apple in programma il 30 ottobre prossimo a New York, alla Brooklyn Academy of Music, la compagnia di Cupertino potrebbe svelare un nuovo iPad Pro senza cornici, ma con

Approfondimenti

COMMERCIALISTI CASERTA CONCLUSO IL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIRITTO TRIBUTARIO

“Il bilancio dell’iniziativa è molto positivo. Siamo soddisfatti del percorso fatto dal marzo scorso. Quindici moduli che ci hanno permesso di ripercorrere i punti salienti del processo tributario. Tutto questo

Approfondimenti

Android supporterà apparecchi acustici

Dopo l’iPhone, anche gli smartphone Android saranno compatibili con le protesi acustiche. Google ha infatti annunciato di essere al lavoro con un’azienda del settore, la danese GN Hearing, per sviluppare

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi