IL CAMPANO ANTONIO PIGNATIELLO VINCE LE FINALI PER IL LAZIO DI SANREMO ROCK E VA ALL’ARISTON

Il cantautore irpino Antonio Pignatiello ha vinto le finali regionali per il Lazio di Sanremo Rock, aggiudicandosi il passaggio alle finali della 33a edizione del concorso che si terranno dal 6 al 12 settembre 2020 al teatro Ariston di Sanremo. I brani che hanno convinto la giuria sono stati “Luna di mezzanotte” e “Se ci credi”, riarrangiati per l’occasione in chiave rock.

Sono molto contento – dice l’artista – di poter salire su un palco così importante, su cui sono passati tantissimi artisti come Litfiba, CCCP, Gang, Irene Grandi, Ligabue, etc… Sono già al lavoro per prepararmi al meglio e per dare il massimo. E poi… si vedrà. Intanto… dita incrociate!“.

Pignatiello – che ha da poco pubblicato il suo terzo album dal titolo “Se ci credi” (Goodfellas/Believe), dal quale sono tratti i brani in gara – attinge dal rock americano; i suoi punti di riferimento sono Bruce Springsteen e Tom Waits, ma anche Rolling Stones, Neil Young, Woody Guthrie.

Il nuovo concept album – disponibile nei negozi di dischi in formato deluxe 16×16 (un libro di 72 pagine con cd allegato) e in digital download sulle piattaforme on-line – è stato diretto e prodotto da un personaggio importante della migliore musica italiana come Taketo Gohara. Il disco racconta il sogno di una generazione precaria, quella degli anni ’80: la crisi dei rapporti, la fuga dei cervelli, lo scricchiolare dei valori morali; un viaggio attraverso dieci canzoni, dieci vite, dieci immagini che si intrecciano su un sentiero di precarietà e insicurezza ma sempre in cerca di una vita migliore e di una “promised land”. Un viaggio nel profondo per provare a raccontare la complessità della vita con parole semplici.

Pignatiello è stato anche protagonista dell’“Acoustic session in the wood”, un progetto che ha visto la pubblicazione di tre brani live, completamente acustici, accompagnati da altrettanti video girati da Fabrizio Pizzulo nella riserva naturale Contrafforte Pliocenico di Sasso Marconi (Bologna): “Si sta facendo tardi”, “Bianco già”, “Luna di mezzanotte” (https://www.youtube.com/watch?v=iZ4VPYYaVKo).

Previous Napoli-Osimhen, bisogna avere pazienza, l'entourage non è deluso per la decisione che non arriva: ecco i dettagli e i retroscena
Next ARRIVA IN LIBRERIA IL NUOVO LIBRO DI SAMUELE CIAMBRIELLO “CARCERE”, LUNEDÌ LA PRESENTAZIONE CON IL CARDINALE SEPE

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Torna in scena il TAN di Napoli con “Visite” di Niko Mucci

Londra. Prestigioso hotel cittadino. Cico, un ricco uomo d’affari , è nella sua stanza. Apre la porta ad una donna: Raquel. Dice di essere la sorella di un suo vecchio

Cultura

YOURI MENNA LA VOCE NAPOLETANA CHE INCANTA PARIGI CON LA SUA VOCE

  Youri Menna, napoletano del Vomero, è un giramondo. Lo si può incontrare a Montmartre e, il giorno successivo, lungo gli Champs Elysée, mentre intona “Malafemmena” di Totò, circondato da centinaia

Cultura

ALLA GALLERIA TOLEDO, A NAPOLI, LA COMPAGNIA DI TEATRO STABILE D’INNOVAZIONE, PRESENTA “MISURA PER MISURA” DI WILLIAM SHAKESPEARE

Un nuovo allestimento si aggiunge alla rosa delle produzioni di Galleria Toledo, che negli ultimi anni ha scelto di dare risalto all’opera di William Shakespeare, realizzando un imponente progetto, che

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi