IL CARD.SEPE AL LICEO MAZZINI:”IL CARATTERE NON CONTENIBILE E NON MISURABILE DELLA CARITA’.”

“Cari ragazzi non credete a chi vi dice che il futuro è vostro. E’ vostro il presente, fatto si di studio,sacrifici e responsabilità. Ma ognuno di voi è dono,siamo vasi comunicanti.Siamo uomini di speranza e quindi di futuro”,così il cardinale Crescenzio Sepe salutando  gli studenti del liceo Mazzini di via Solimena al Vomero,a Napoli,in una giornata dedicata a loro e promossa dai docenti di religione dell’istituto. Il dirigente scolastico Gianfranco Sanna,dopo aver espresso gratitudine al presule per aver accolto l’invito, accompagnato dalle docenti di religione Daniela,Sofia e Samuele ha portato sua eminenza a visitare l’istituto scolastico sede di un liceo scientifico,linguistico e scienze umane.Nel plesso scolastico gli studenti hanno accolto il cardinale cantando “Un giorno all’improvviso”, sia per il caldo tifo del cardinale per la squadra del Napoli sia come espressione affettiva nei suoi confronti. Suggestiva l’esecuzione canora di “Caruso” di una giovane studentessa ,Grossi Arianna, sia il regalo di una mattonella ricordo con  una frase, fatto dal dirigente scolastico a nome di tutto il corpo docente e Ata.

Successivamente il cardinale è entrato nella vicina parrocchia di san Gennaro,accolto dal parroco don Massimo Ghezzi. Qui c’è stata una prolusione del professore Samuele Ciambriello,docente di religione al Mazzini,sulla lettera pastorale del cardinale:”Vestire gli ignudi” che “sollecita a vivere le opere di misericordia,a vestire l’abito dell’amore,della condivisione,avvolgendo di tenerezza e dignità i più poveri.”

Per Ciambriello “aiutare i poveri,condividendo con loro abiti,tempo ed emozioni,richiede sensibilità e rispetto,attenzione alle piccole cose.Sapendo che la famiglia è il vero abito,il primo tessuto di relazioni umane per aiutare l’uomo di oggi amarrito e confuso.” Poi tre studenti Rosaria,Anna e Leonardo hanno fatto delle domande al cardinale.

Il presule ha così risposto alle sollecitazioni di Ciambriello e dei ragazzi. “Quando sono arrivato a Napoli dieci anni fa ho voluto baciare la terra di Scampia,dove era stato Giovanni Paolo II,mio amico e maestro. Lì il Papa ha indicato la strada della Speranza e della Condivisione,da lì ho indicato alla mia Chiesa di Napoli come assumere un ruolo attivo e responsabile nella cura dei fedeli e nella gestione del bene comune.Ecco il carattere non contenibile e non misurabile della carità.” Sepe ha poi ricordato le tante esperienze di solidarietà gestite sia dalla Chiesa di Napoli direttamente che da associazioni e movimenti. Esperienze che gli studenti possono incontrare per sentirsi coinvolti. Rispondendo,infine, ad una provocazione su una delle più tragiche nudità del nostro popolo e cioè la mancanza di lavoro,il cardinale Sepe ha annunciato che ha sentito i presidenti delle Conferenze episcopali di Puglia,Basilicata,Calabria e Sicilia per organizzare a breve a Napoli una due giorni di riflessione e di proposte che partano dalle Chiese del Sud dove ” il tessuto industriale,la presenza criminosa della malavita,la mancanza ,tante volte,di una coraggiosa classe imprenditoriale rendono molto più problematica ogni possibile soluzione.”

Previous "Criminologia e prevenzione", domani a Napoli un workshop promosso dall'associazione "Social Skills"
Next Campania, conferenza internazionale del Consiglio direttivo dei difensori civici d'Europa

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

PARIOTA:” PLASTIC ROADS(STRADE DI PLASTICA) E’ SVOLTA ECOLOGICA.PURCHE’ SI AGISCA IN FRETTA.”

Per noi automobilisti potrebbe significare l’agognato addio a buche e avvallamenti che disastrano le vetture. Per gli ecologisti suonerebbe come un altro passo in direzione di un’economia sostenibile. Le Plastic

Officina delle idee

“SPACCANAPOLI” E’ IL NOME DELLA GARA PODISTICA CHE ATTRAVERSERA’ LE ARTERIE PRINCIPALI DELLA CITTA’

“Spaccanapoli” è il nome  della gara podistica organizzata da Uisp Napoli col patrocinio del Comune di Napoli e la collaborazione tecnica di Sport Eventi Run, a sostegno della Raccolta Fondi NutriAfrica, si terrà domenica 5 novembre 2017 sulla doppia distanza

Officina delle idee

Cristina D’avena torna con “Duets” insieme a 16 Big della canzone Italiana

Quante volte da bambini, durante la messa in onda del nostro cartoon preferito, abbiamo cantato a squarciagola la sua sigla principale. Tante, troppe volte, tanto che ancora oggi la ricordiamo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi