IL FENOMENO FRANCESCO

Il volume che sulla bianca pontificia copertina reca in rosso, con la grafia di papa Francesco, Il nome di Dio è Misericordia, ha lo stile di una conversazione con il giornalista Andrea Tornielli sul tema della misericordia divina, su cui da papa Bergoglio è stato convocato un Giubileo straordinario da svolgere in maniera decentrata anche nelle diocesi cattoliche. E’ come ascoltare il papa al caminetto, tra domande e risposte che attingono alla sua storia e alle sue esperienze di vita.

Certo papa Francesco ha una leadership mondiale, per parole e gesti che hanno conquistato credenti e non, e fiorisce una letteratura di vario genere che diffonde i suoi messaggi. E’ al centro di un processo di comunicazione e mediatizzazione che segue i suoi viaggi e raccoglie le sue parole e gesti più significativi, anche perché si presenta come colui che dispensa un messaggio di speranza a credenti e non credenti, per uscire dalla crisi non solo economica delle società umane attraverso la custodia e fruizione collettiva dei beni del creato, la produzione e ridistribuzione dei frutti del lavoro umano, il rispetto della dignità di ogni essere umano in cammino.

Sulla centralità dell’appello alla Misericordia divina da parte di papa Francesco, a nostro avviso, la Misericordia non è solo un DENOMINATIVO – cioè un attributo sostanziale di Dio – ma diventa un CONNOTATIVO dell’agire dottrinale e pastorale della Chiesa, che supera rigidità che hanno segnato nel tempo lo stile ecclesiale, allontanando tanti. E’ quindi solo l’inizio di un processo di riforma della chiesa in alto e in basso, da non esaurirsi nell’agitare il vessillo della Misericordia senza mutamenti dell’agire personale e sociale.

Per questi aspetti non solo interni alla Chiesa, sulla scena pubblica siamo di fronte a quello che si può denominare il “FENOMENO FRANCESCO”, che genera accoglienza ed entusiasmo, ma anche riserve e ostacoli da parte di costumi e modelli cristallizzati nei secoli all’interno delle strutture istituzionali e mentali, non solo ecclesiastiche. E quindi consonanze e dissonanze. Francesco non è solo un player mondiale, ma il vescovo di Roma all’opera per la riforma della Chiesa, per la giustizia ed il riconoscimento della dignità umana nei vari ambiti della vita.

 

il-nome-di-dio-misericordia

Previous RISCHIO DI DIPENDENZA DALL'ALCOL SOLO CON L'ODORE. SECONDO UN NUOVO STUDIO, BASTA VERAMENTE POCO PER RESISTERE ALLA TENTAZIONE
Next ALL'UNIVERSITA' TELEMATICA PEGASO, LA PRESENTAZIONE DEL MODULO "JEAN MONNET" SUL FUTURO DELLA COOPERAZIONE IN MATERIA PENALE IN EUROPA

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

POMODORO, RAGGIUNTO ACCORDO PER IL PREZZO AREA CENTRO-SUD. Fedagri – Confcooperative Campania: “Le Imprese Agricole si aspettavano di più”

Sul “filo di lana” si chiude l’accordo dell’Area Centro-Sud che indica il prezzo del Pomodoro da Industria per la Campagna di Trasformazione 2016. L’accordo è stato raggiunto tra la Commissione

Approfondimenti

Apple supera Microsoft, si riprende scettro regina del mondo

Apple supera Microsoft e si riprende il titolo di societa’ con maggiore capitalizzazione di mercato al mondo. I titoli Apple salgono dell’1,39% all’avvio delle contrattazioni di Wall Street, mentre Microsoft

Approfondimenti

ISOLA D’ISCHIA: LA PIU’ BELLA SORGENTE NATURALE E’ QUELLA DI BUCETO

La sorgente naturale Buceto è una delle più belle dell’isola d’Ischia, oggi sconvolta dal terremoto, ha origine nella parte orientale del Monte Buceto ed ha fornito acqua potabile agli ischitani sin dal passato, assicurando

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi