Il Festival dello sviluppo sostenibile 2017: Napoli prima tappa! De Magistris:“ Napoli sta già andando nella direzione dello sviluppo sostenibile e lo dimostrano i progetti per cui abbiamo ottenuto il finanziamento europeo”.

Un futuro migliore è possibile? Per determinare il futuro dell’intero pianeta e del nostro Paese bisogna darsi un gran da fare, non bastano più parole e promesse, bisogna agire e prospettare nuove opportunità e nuove condizioni : politiche, sociali, culturali, lavorative, economiche e istruttive. Sono molti gli obbiettivi da raggiungere in un lontano e ipotetico 2030, un futuro che garantisca la salvaguardia del Pianeta.

In una specifica prospettiva sono  17 gli obiettivi da raggiungere nel 2030 per la salvaguardia del Pianeta , secondo l’agenda per lo sviluppo sostenibile dell’Onu e la lotta alle disuguaglianze è uno degli obbiettivi  che andranno a cambiare il futuro del nostro Paese. E’  la città di Napoli a dare il via al Festival dello sviluppo sostenibile 2017.  Si tratta di una giornata  intitolata : «Italia 2030: che nessuno resti indietro! Ridurre le disuguaglianze di tutti i tipi, per tutte e per tutti, a tutte le età»,  una delle prime tappe Italiane che affronteranno dei temi importanti ,appunto ,per lo sviluppo sostenibile del Pianeta e dell’Italia che verrà.

Il sindaco Luigi de Magistris  si è espresso a tale riguardo così dicendo: “ Napoli sta già andando nella direzione dello sviluppo sostenibile e lo dimostrano i progetti per cui abbiamo ottenuto il finanziamento europeo: le persone al centro, l’inclusione sociale, la lotta alle differenze. Il liberismo che ha messo denaro al centro e la persona da parte sta nella sua fase di crisi definitiva. E Napoli già stava andando in questa direzione. Aspetto fondamentale su cui ci stiamo muovendo è il rapporto spazio-persona , perché le infrastrutture devono servire per far vivere bene.La persona deve stare al centro. E sottolineo, inoltre, che noi non metteremo mai filo spinato. Siamo la città dell’inclusione”.

Saranno ospiti della giornata  ,alla corte del teatrino del Palazzo Reale di Napoli ,4 Ministri: , Dario Franceschini, Beni e attività culturali, Claudio De Vincenti, Coesione territoriale e Mezzogiorno, Maurizio Martina, Politiche agricole alimentari e forestali e Giuliano Poletti, Lavoro e politiche sociali. La giornata si articolerà in quattro sessioni, ciascuna dedicata a un tema specifico: educazione e cultura, sviluppo e imprenditoria, alimentazione e salute, lavoro e welfare.

Saranno numerosi gli eventi che riguarderanno lo sviluppo sostenibile entro il 2030, infatti sono previste le prossime Tappe Italiane da : Venezia a Taranto, Milano , Reggio Emilia, Siena , Udine e Parma.

Previous Un omaggio a Falcone e Borsellino ! Roberto Saviano : "attraverso la scrittura e il ragionamento si combatte la criminalità".
Next NAPOLI, SEI RAGAZZINI VENGONO DROGATI E POI DERUBATI DA UNO SCONOSCIUTO

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

CONSIGLIO REGIONALE ,PRESIDENZA/CORECOM: UNO SPOT CONTRO IL CYBERBULLISMO. PRESENTAZIONE CON D’AMELIO, FALCO, ANGIOLI

Sarà reso noto il primo report della ricerca “L’influenza dei media locali sui minori e nuovi media” svolta dal Dipartimento Scienze Sociali dell’Università Federico II Napoli, 6 febbraio 2018 –

Economia e Welfare

Commemorazione Adriana Tocco: un insegnamento che resta

Napoli, un ultimo e commovente saluto ad Adriana Tocco con le voci del coro giovanile del Teatro San Carlo sulle note della sua canzone preferita ‘O surdato ‘nnammurato . Palazzo

Economia e Welfare

ACCOGLIERE PER RICOMINCIARE, DA NAPOLI UN NUOVO MODELLO DI INTEGRAZIONE DOPO LA DETENZIONE

Molto spesso ai margini di una società che non offre una concreta possibilità di reinserimento sociale. Ecco l’esigenza di un progetto in grado di sistematizzare un modello di intervento complesso

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi