IL FLUORO PUO’ DANNEGGIARE IL SISTEMA NERVOSO?

Uno dei maggiori rischi dell’accumulo di fluoro nel corpo è il danno al sistema nervoso, che causa la degenerazione della sintesi dei neurotrasmettitori e recettori nelle cellule cerebrali, allo stesso tempo comporterebbe difficoltà nell’assimilazione delle proteine del cervello portando a una lenta degenerazione dei neuroni. Un altro possibile effetto negativo può essere legato all’apparato digerente, a causa della ingestione accidentale del fluoro (composto di acido flurhidrico) irritante per lo stomaco che può produrre diarrea e vomito, questo si verifica soprattutto nei bambini o persone con uno stomaco debole. Infine, questo componente popolare può essere responsabile di una patologia dentale chiamata fluorosi dentale, cioè l’effetto dell’assunzione a lungo termine di quantitativo eccessivo di fluoro durante la fase di amelogenesi nei denti permanenti. È caratterizzata da una discromia intrinseca, primitiva, endogena, quindi non eliminabile con l’igiene professionale. La sua caratteristica principale è l’ipomineralizzazione dello smalto, di conseguenza la matrice interprismatica dello smalto risulta difettosa. Non esiste un dosaggio sicuro di fluoro. I danni da fluoro non si manifestano solo a livello dei denti, ma anche delle ossa e di altri tessuti umani. Il fluoro ha effetti negativi anche sul sistema nervoso centrale e determina alterazioni comportamentali e deficit cognitivi.

Studi scientifici dimostrerebbero che il fluoro può essere neurotossico anche per il feto a dosaggio considerati sicuri per la madre. Dopo la nascita, il bambino può manifestare un ridotto quoziente intellettivo e alterazioni comportamentali. Esistono pochissimi studi scientifici correttamente condotti sugli integratori di fluoro e tutti dimostrano che l’effetto di questi supplementi sulla prevenzione delle carie è molto blando se non nullo. Decisamente più numerosi sono invece gli studi sugli effetti negativi del fluoro sulla salute dell’uomo. Nonostante tutto, molti pediatri e dentisti consigliano ancora in modo automatico e sistematico la fluoroprofilassi (compressine o gocce) per i bambini di pochi mesi. L’integrazione di fluoro non è solo inutile, ma può essere addirittura dannosa. Le industrie del farmaco sono notoriamente molto abili nel manipolare, se non nell’influenzare, gli studi scientifici. Insieme a quelle produttrici di dentifrici hanno a lungo sottaciuto e sottovalutato gli effetti tossici dei prodotti a base di fluoro.

Previous COSTRUIRE IL PD, PARTIRE DAL MEZZOGIORNO. COZZOLINO: "EUROPA DEL NORD E DEL SUD"
Next VINCENZO DE LUCA VINCE ANCORA

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Twitter perde utenti

Twitter affonda a Wall Street con il calo degli utenti  che segue quello di giovedì di Facebook, che ha bruciato 120 miliardi di dollari di capitalizzazione, ovvero una cifra pari all’intero

Approfondimenti

Strage di Erba : la Corte di Cassazione accoglie il ricorso della difesa

Ci sono novità per Olindo e Rosa , i due coniugi condannati in via definitiva per l’omicidio delll’11 dicembre 2006,  dei quattro vicini di casa :il piccolo Youssef Marzouk di

Approfondimenti

UNIVERSITA’: OGGI IL M5S IN 16 REGIONI PER IL FIRMADAY

Si conclude oggi, lunedì 29 febbraio, con il “FirmaDay” la campagna negli atenei italiani del Movimento 5 Stelle per chiedere l’abbassamento delle tasse universitarie e l’istituzione di una “no tax

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi