Il futuro di Napoli si decide a Bagnoli

Gran parte del futuro di Napoli si gioca sulla destinazione che la classe politica, nazionale e locale, prima o poi, più poi che prima, deciderà di assegnare all’area di Bagnoli, all’isolotto di Nisida ed alla spiaggia di Coroglio, attualmente in uno stato di abbandono che grida vendetta, con gli scheletri dell’Italsider e della Cementir, ai quali si sono aggiunti di recente le ceneri della Città della Scienza, che una mano blasfema, attuando un piano criminale, ha dato alle fiamme, distruggendo i sogni di tanti bambini e le speranze di riscatto di una città capace di ferirsi a morte nell’indifferenza generale.

Sembra lontana anni luce, ma all’inizio dell’Ottocento la zona era un Eden, tutta immersa nel verde, mentre la spiaggia si affacciava su di un mare invitante ed era frequentata dalle famiglie della buona borghesia, che possedevano a breve distanza le loro ville. Trascorrevano un tempo felice e mai avrebbero immaginato che un mostro d’acciaio, che produceva acciaio, si sarebbe impossessato di luoghi destinati, per vocazione spontanea, al godimento delle bellezze naturali poi invece venne l’ILVA ed all’inizio degli anni Sessanta, quando era folle opporsi alle chimere della produzione di massa e del progresso, l’Eternit e la Cementir, che per decenni hanno significato riscatto sociale e stipendio per migliaia di famiglie della zona. L’Italsider era la punta di diamante della siderurgia italiana e fu l’artefice della creazione di una classe operaia consapevole dei propri diritti, per trasformarsi, crollato il mercato, in una rocca forte comunista, che, mentre la flotta di Achille Lauro affondava, nell’indifferenza delle banche, ha divorato migliaia di miliardi dallo Stato, ha inquinato terra, mare e cielo, per divenire poi quel mostro ecologico inamovibile, per il disaccordo della classe dirigente, precludendo ogni progetto di rinascita della città, mentre potrebbe sorgere il più grande porto turistico del Mediterraneo, con alle spalle alberghi di lusso, mentre Nisida potrebbe ospitare un casinò, attirando così una ricca clientela internazionale e producendo a pioggia benessere e migliaia di posti di lavoro.

Questa è l’unica soluzione attuabile, perché eliminare l’inquinamento è troppo costoso, mentre un porto turistico troverebbe subito investitori disposti a costruirlo in tempi brevi ed un fiume di denaro pulito ripulirebbe i luoghi e darebbe lavoro a migliaia di napoletani.

Previous SABATO 18 MAGGIO MEDICI SNAMI “A CACCIA” DI IPERTENSIONE. AL “CENTRO COMMERCIALE CAMPANIA” CHECK UP A PRESSIONE ARTERIOSA
Next L'addio di De Rossi: rabbia tifosi Roma, contestazione a Trigoria

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

FESTIVAL DELLE VILLE VESUVIANE , SUL PALCO TANTISSIMI ARTISTI : DA BENNATO A CAPOSELA

Ad Ercolano , si da il via alla 28esima edizione del Festival delle Ville Vesuviane, a cura della Fondazione Ente Ville Vesuviane presieduta dal professore Giuseppe Galasso. Dal 6 luglio al

Officina delle idee

NAPOLI ,10 ANNI DI BENINSIEME: EVENTO SOLIDALE PIU’ ATTESO DELL’ESTATE

Grande festa per l’evento solidale più atteso dell’estate, che sarà presentato il 26 giugno alle ore 12.00 al Circolo Posillipo di Napoli e che si svolgerà, come sempre, al Nabilah,

Officina delle idee

Marciano(PD):”Non è un nostro assillo entrare a far parte della nuova segreteria regionale”

di Antonio Marciano È evidente che siamo a un passaggio importante per la vita del PD, pienamente dentro la responsabilità del governo regionale, alla vigilia di una tornata amministrativa decisiva