IL GENIO DI MARC CHAGALL: TRA ARTE, TEATRO, MUSICA E TECNOLOGIA

Si divideva fra arte, teatro, musica e tecnologia, il genio di Marc Chagall che sarà al centro di una mostra molto spettacolare allestita dal 13 ottobre al 28 gennaio negli spazi del milanese Museo della Permanente.
Capolavori imponenti come ‘La passeggiata’ o ‘Gli amanti in verde’, ricostruiranno la suggestione del percorso creativo di uno dei maestri indiscussi del XX secolo. Intitolata ‘Chagall.Sogno di una notte d’estate’, l’importante iniziativa espositiva è stata realizzata con il patrocinio del comune di Milano e prodotta in Italia da Arthemisia in collaborazione con Sensorial Art Experience. La prima edizione della mostra, adoperata in Francia da Culturespaces à Carrières de Lumières, è andata oltre i 580.000 visitatori e ha rappresentato una forma del tutto inedita di vivere l’arte, capace di indirizzare grazie a uno straordinario incontro tra diversi linguaggi espressivi e di comunicazione, di coinvolgere, travolgere ed emozionare gli spettatori.

Previous Centro di Servizio al volontariato della Basilicata: una realtá innovativa
Next Attivazione Radioterapia ad Ariano, domani consegna di diecimila firme alla presidente D’Amelio In Consiglio una delegazione delle associazioni Amdos e Harambee con il consigliere Iannace.

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

“NAPOLI LE FORME DI UN PAESAGGIO”: LE FOTO DI ESPOSITO CATTURANO I LUOGHI MENO CONOSCIUTI E FREQUENTATI DELLA CITTA’

“Le foto che propongo riproducono un particolare punto di vista sul paesaggio napoletano. Il lavoro si caratterizza come un viaggio attraverso luoghi indefiniti, aree di confine, ambienti ormai privi di

Cultura

BIBLIOTECA NAZIONALE VITTORIO EMANUELE III: LA TERZA BIBLIOTECA PIU’ GRANDE D’ITALIA

In Piazza del Plebiscito, presso il Palazzo Reale, ha sede la terza biblioteca più grande d’Italia. Si tratta della Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III che, con i suoi quasi due

Cultura

Cento modi di dire Napoli

Cento parole per dire Napoli. Era questo il diktat a cui hanno dovuto rifarsi gli altrettanti autori che hanno confezionato la raccolta “Napoli in cento parole”, presentata ieri al pubblico,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi