Il Meccanismo di protezione civile attivato dall’Unione europea in questi anni finisce in una campagna #EUSavesLives per sensibilizzare l’opinione pubblica sul principio di solidarietà

A partire da  aprile è stata attivata la campagna #EUSavesLives per rendere sensibili  i cittadini sull’importanza dell’aiuto umanitario e della protezione civile che pone le basi  sul principio di solidarietà e per far conoscere l’attività dell’Unione Europea nel meccanismo di dare aiuti nelle emergenze, spesso al centro di polemiche politiche, più che di cose concrete.  E’ partita, per la precisione,  il 6 aprile 2018 a Vilnius, in Lituania, la campagna #EUSavesLives si svolge tra aprile e luglio 2018: dopo Bucarest e Berlino, quarta tappa è Roma poi Marsiglia, prima di terminare a Madrid.

Una squadra di operatori televisivi ha ripreso gli interventi dell’Unione europea in aiuto  alle crisi umanitarie che si sono registrate  e ai disastri naturali in un video a 360°, una modalità mai vista fino ad oggi.

La prima esperienza proietta il visitatore nella crisi dei rifugiati Rohingya, una delle più gravi crisi umanitarie al mondo. I partecipanti al roadshow in realtà virtuale hanno quindi  la possibilità di assistere a un progetto finanziato dall’Unione europea in un campo profughi in Bangladesh. Un’esperienza unica e irripetibile.  Il Meccanismo di protezione civile attivato dall’Unione europea riunisce le risorse e l’esperienza di tutti i 28 Stati membri nonché di Islanda, Montenegro, Norvegia, Serbia, Macedonia e Turchia.   facendo in questo modo  l’Unione europea è potuta intervenire in prime linea nelle crisi più gravi della storia  tra cui il ciclone tropicale Irma nei Caraibi (2017), l’uragano Matthew ad Haiti (2016), il conflitto nell’Ucraina orientale (2015), le alluvioni nei Balcani occidentali (2014) e l’epidemia di Ebola nell’Africa occidentale (2014).

Previous UN GIOVANE NIGERIANO DI 17 ANNI RESIDENTE A CASERTA PERDE LA VITA ANNEGANDO IN PISCINA NELLA VILLA DOVE LAVORAVA
Next LA NUOVA APP DI VERO BATTE FACEBOOK

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

VALENTE.”AD UN PARTITO DISOMOGENEO PORTIAMO UN PUNTO DI VISTA DI SINISTRA

di Samuele Ciambriello Qundo incontri Valeria Valente non c’è regola su come e quando arriva alle risposte. Fa riferimenti sinceri e concreti, coniuga radicalità di scelte e radicamento territoriale. Con

Officina delle idee

Caro Vespa, l’audience non è tutto

Arde la polemica sul caso Bruno Vespa vs Casamonica. Sul caso che riguarda l’invito da parte del noto conduttore e giornalista televisivo, che ha scelto d’invitare, nel salotto del programma

Officina delle idee

Umberto Del Basso De Caro rassicura sulla Napoli-Bari

Si sa, il sottosegretario alle Infrastrutture Umberto del Basso De Caro ama definirsi “un artigiano della politica”, lui radicato sul territorio, primo degli eletti in Italia, nel PD, alle ultime Primarie.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi