Il Mediterraneo al centro dell’Agenda europea

Vi sono profonde divergenze di vedute fra le due sponde del Mediterraneo che hanno ostacolato la formazione di un comune approccio euro-mediterraneo ai problemi di sicurezza della regione. Oggi i conflitti, in questa regione multietnica ma soprattutto multireligiosa, quasi non si contano. Molte le zone in fibrillazione diretta per i focolai di battaglie, altre quelle che si trovano a far fronte ai problemi che di riflesso si riversano soprattutto sulla sponda Nord: l’immigrazione tra tutte.

I tentativi di guardare al Mare Nostrum come unica regione sono stati diversi, purtroppo naufragati come le “barche della speranza” che ogni giorno lo attraversano, cariche di anime in fuga da realtà disastrose per finire in lager dal futuro poco chiaro. L’UE ha provato la Politica Europea di Vicinato (PEV),  sperando di contrastare l’emergenza di nuove linee di divisione tra Europa e Paesi del vicinato, ma anche di rafforzare stabilità, sicurezza e benessere nell’area favorendo maggiore integrazione politica ed economica. A rifletterci oggi, possiamo dire che è riuscita molto più l’integrazione con l’est, nonostante la situazione critica tra Ucraina e Russia. Le guerre sulla sponda Sud, purtroppo, hanno portato ad una situazione di incertezza con migliaia o milioni di profughi costretti a scappare da paesi con governi deboli.

Altre sono state le luci, fioche a giudicare dai risultati ottenuti, che si sono accese per poco sull’integrazione Mediterranea. Ci ha provato Sarkozy, quando era presidente in Francia, con l’Unione per il Mediterraneo che ha provato a segnare una svolta decisiva nell’interazione con i paesi nord africani. Tutto arenato tra le sabbie del deserto appena sotto quei paesi della cosiddetta Sponda Sud.

E l’Italia? Non ha mai avuto, durante questi slanci di coraggio di altre nazioni, un ruolo convince verso i paesi bagnati dal Mediterraneo nonostante il suo posto privilegiato. Adesso il compito difficile dell’Unione Europea e della nostra penisola: la prima istituzione dovrà cercare di imporsi, in uno scenario internazionale, come forza in grado di placare i venti di guerra che spirano ai confini estremi del continente. La seconda dovrebbe avere il coraggio di capire la sua strategica centralità, anche come nodo cruciale per i traffici economici.

Oggi l’Italia e la Mogherini giocano un ruolo chiave.

 

 

Leggi anche Federica Mogherini, il nuovo volto della politica estera in Europa

Previous Vacanze al Museo: ad agosto è boom di visite
Next Federica Mogherini, il nuovo volto della politica estera in Europa

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Maison Signore sfila alla Reggia di Caserta il 3 dicembre e presenta Signore Privè, servizio esclusivo della collezione Excellence

La Reggia di Caserta, testimonianza di un’architettura dal gusto intramontabile, si apre alle eccellenze dello stile contemporaneo: Maison Signore con le sue collezioni, il suo gusto, l’artigianalità ed il suo

Officina delle idee

100 istituti secondari di secondo grado adottano gratuitamente SCUOLAB: il software per la didattica innovativa realizzato da Protom che porta il laboratorio in ogni classe

A 100 istituti di secondo grado verranno gratuitamente fornite le licenze dei primi due volumi di Scuolab Fisica, il software realizzato da Protom, che porta in ogni classe la possibilità

Officina delle idee

VISITA PASTORALE DELL’ARCIVESCOVO ALESSANDRO D’ERRICO A CARINI, SUA SEDE TITOLARE

Dal 20 al 23 luglio scorso, l’Arcivescovo frattese Alessandro D’Errico, Nunzio Apostolico in Malta e in Libia, ha compiuto un’importate visita pastorale a Carini, sua sede titolare. Mons. D’Errico ha

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi