Il meglio e il peggio di tutta l’Italia nel rapporto OCSE

Sorpresa sorpresa. Pensavate che Lombardia e Piemonte fossero le regioni in cui si sta meglio? O forse che il titolo di “regione più vivibile d’Italia” spettasse al Centro, magari alla ridente Toscana o alla verde Romagna? Sbagliato. Il luogo comune secondo il quale al Nord si vive meglio, ahinoi, ancora una volta è azzeccato. Ma bisogna salire ancora al più nord in questo caso. Lo rivela l’ultimissimo rapporto dell’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico che da anni monitora il lifestyle non soltanto italiano, ma di tutti i 34 Paesi membri e delle loro 362 regioni, e lo fa esaminando 8 diversi indicatori che vengono valutati con un voto da 0 a 10. Per la precisione, si parla di ambiente, impegno civico, istruzione, occupazione, reddito, salute, servizi e sicurezza.

Il primo premio va in questo caso al Trentino Alto Adige, che si aggiudica la prima posizione per il suo massimo dei voti quanto a salute e sicurezza, categorie dove eccelle anche l’Emilia-Romagna. Pare che le Province Autonome di Trento e Bolzano si siano distinte stavolta per la situazione di benessere diffuso, garantito dal numero di persone occupate in età lavorativa, dall’alto tasso di scolarizzazione, e anche dal bassissimo numero di omicidi. Decisamente più basso il punteggio ottenuto nella sezione ambiente, dove brilla invece la Sardegna. E dove si mettono in mostra, in un modo tutto negativo, il Veneto e la Lombardia, che a causa degli altissimi livelli di inquinamento della Pianura Padana vengono rimandate con uno zero tondo tondo. Non se la cava tanto meglio il Piemonte, fermo a 0.6. Primato negativo anche per la Campania, che risulta tra le ultime regioni da qualunque punto si esamini la sua situazione, e ultimissima quanto a lavoro con 0.3 su 10.

Nel complesso, emergono le notevoli discrepanze tra il Nord e il Sud della penisola: lì più opportunità di lavoro e più istruzione, qui, nonostante i progressi registrati dal 2000, procediamo ancora a passo di lumaca. Ma, al di là delle suddivisioni regionali e territoriali, nel nostro Paese il 58% degli individui di età compresa tra i 15 e i 64 hanno un lavoro retribuito, e il rapporto tra uomini e donne è quasi paritario. Poco al di sopra della maggioranza è anche il livello di scolarizzazione generale, col 56% di individui adulti con un diploma di scuola superiore. A ben guardare, dove gli italiani sono carenti è il grado di soddisfazione generale: sembra che non riusciamo proprio ad essere contenti di quel che abbiamo e di come viviamo.

A chi si chieda a cosa mai possa servire un rapporto del genere, la risposta è semplice. Non si tratta di una semplice classifica per additare al mondo intero vizi e virtù degli abitanti del mondo, ma di un incentivo ai governi dei Paesi membri per capire cosa ancora c’è da fare e dove bisogna continuare a lavorare, magari attingendo agli esempi migliori del Canada e dei Paesi Scandinavi (Svezia in pole position), dove, da quel che risulta, la popolazione non potrebbe essere più felice di così.

Previous In nome del debito pubblico
Next La mobilitazione per Ciro Esposito, come effervescenza collettiva

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

FENOMENO FORTINITE : E’ IL VIDEOGIOCO PIU’ COSTOSO !

Fortnite, il videogioco lanciato l’autunno scorso, è già diventato un fenomeno di costume superando titoli popolari come Pokemon Go. Secondo i dati di SuperDataresearch, a maggio gli oltre 125 milioni

Approfondimenti

“Passeggiata tra il liberty ed il bel canto” . Nel borgo di Chiaia alla scoperta dei primi palazzi liberty e nello storico “Nuovo Teatro Sancarluccio” per un gustoso aperitivo ed un Concerto Musicale

Nuovo imperdibile appuntamento con L’ Associazione Culturale “Noi per Napoli” che in collaborazione con “Inscena” Nuovo Teatro Sancarluccio e con il Patrocinio del Comune di Napoli, presenta per il prossimo

Approfondimenti

BERLUSCONI:”SALVINI FA UN PO’ LO SBRUFFONCELLO.” SALVINI: “NON E’ PIU’ IL TEMPO DELLE DINASTIE.” I DUE LAEDER CONTINUANO A STUZZICARSI!

“In privato Salvini mi abbraccia, dice che ho ragione io. Poi in pubblico fa un po’ lo Sbruffoncello. Ma ormai lo conosco”. Così il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi