IL MINISTRO PER GLI AFFARI REGIONALI, ENRICO COSTA, SI DIMETTE: “NON POSSO FAR FINTA DI NON VEDERE LA SCHIERA DI COLORO CHE SCORGONO UN CONFLITTO TRA IL MIO RUOLO ED IL MIO PENSIERO “

Il ministro centrista per gli Affari regionali,  Enrico Costa, si è dimesso con una lettera indirizzata al presidente del Consiglio. La decisione di dimettersi per tornare in Forza Italia era nell’aria già dal giorno dello stop allo ius soli, quando Costa  aveva dichiarato che era giunto il momento di  e accettare l’offerta di ritornare nelle fila di Berlusconi. La lettera è la seguente:  “Caro Presidente, ho manifestato nei giorni scorsi la convinzione che sia il momento di lavorare ad un programma politico di ampio respiro che riunisca quelle forze liberali che per decenni hanno incarnato aspirazioni, ideali, valori, interessi di milioni di italiani che hanno sempre respinto soluzioni estremistiche e demagogiche.Sono opinioni politiche del tutto naturali, per chi ha una storia politica come la mia. In questi mesi ho anche espresso il dissenso su alcuni provvedimenti (ius soli, processo penale), motivando dettagliatamente le mie posizioni. C’è chi ha ritenuto queste opinioni fonte di pregiudizio per il Governo, ma anche chi le ha apprezzate perché hanno portato una interessante dialettica.
Tu, caro Presidente, hai sempre rispettato le mie idee. Non mi hai mai imposto il paraocchi e non mi hai chiesto di rinunciare alle mie convinzioni. Lo apprezzo moltissimo. Ma non posso far finta di non vedere la schiera di coloro che scorgono un conflitto tra il mio ruolo ed il mio pensiero. E siccome non voglio creare problemi al Governo rinuncio al ruolo e mi tengo il pensiero. Ho avuto un’occasione unica ed ho fatto un’esperienza bellissima, sempre con il massimo impegno. Ora faccio un passo indietro, perché le convinzioni vengono prima delle posizioni. A chi mi consiglia di mantenere comodamente il ruolo di Governo, dando un colpo al cerchio ed uno alla botte, rispondo che non voglio equivoci, né ambiguità. Allungherò la lista, peraltro cortissima, di ministri che si sono dimessi spontaneamente. Rassegno, pertanto, con la presente, le mie dimissioni dall’incarico di Ministro per gli Affari Regionali. Un caro saluto ed un augurio di buon lavoro a te ed a tutti i membri del Governo“. Pronta la risposta di  Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, che con un post si esprime così: “In un mondo politico nel quale abbondano i ‘poltronari’ di professione va, senza alcun dubbio, elogiata la coerenza e la linearità di azione dell’amico Costa. Enrico, con una scelta di rettitudine, ha rimesso il suo mandato da ministro del governo Gentiloni per poter ‘lavorare  ad un programma politico di ampio respiro che riunisca quelle forze liberali che per decenni hanno incarnato aspirazioni, ideali, valori, interessi di milioni di italiani che hanno sempre respinto soluzioni estremistiche e demagogiche”. 

Previous Concerti d'estate a Vietri sul Mare: Serate estive all'insegna della cultura e del divertimento
Next CONVEGNO NAZIONALE DELLA MAGISTRATURA ONORARIA UNITA A BENEVENTO

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

CRISCUOLO:”IL PERICOLOSO STRUMENTO DELLE DELEGHE METROPOLITANE E LE RAGIONI DEL GOVERNATORE DE LUCA.”

La situazione politica della città di Napoli e della città metropolitana trova un racconto più chiaro nel momento in cui le polemiche sulle deleghe assegnate mettono in pericolo le identità

Qui ed ora

Rubacchio abbattuto a poche ore dalla rimozione

Era scampato quest’anno ai furti, ma i vandali lo hanno ugualmente colpito abbattendolo la scorsa notte, a poche ore dalla sua rimozione prevista per oggi. Rubacchio, l‘albero dei desideri, che

Qui ed ora

EX premier Matteo Renzi attacca:” Quando si vince, si vince. Quando si perde, si ammette. Punto”

Matteo Renzi nella sua e-news su Facebook commenta i risultati del voto degli iscritti al Pd che gli hanno dato una  maggioranza schiacciante delle preferenze. L’ex premier, stando ai dati

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi