Il Museo Laboratorio della civiltà contadina “Masseria Luce”

masseria luce5Anche Napoli ha il suo Museo della civiltà contadina. Sorge nella splendida cornice della Masseria Luce a S. Pietro a Patierno, bellissima struttura del Settecento, chiamata anche “Palazzo Carizzi” dal nome del suo fondatore.

La struttura stessa è un monumento alla civiltà contadina con le sue possenti mura, i poderosi archi ornamentali e di sostegno, le due corti, padronale e contadina, la cappella del XVII secolo, sicuramente antecedente alla masseria, divenuta poi cappella palatina e sepolcro di famiglia, i veroni con le garitte, il giardino, la cantina, i pozzi, il lavatoio ecc..

Il Museo della civiltà contadina nasce grazie all’impegno volontario dei soci dell’Associazione culturale Maria Ss. della luce, contadini o figli di contadini, che, ristrutturata la cappella e i locali delle due corti, hanno offerto centinaia d’antichi attrezzi agricoli, custoditi da decenni, che rappresentano la memoria storica del casale e della civiltà contadina nel suo complesso.

I reperti, con l’aiuto di un gruppo di docenti della zona, sono stati catalogati e sistemati nelle sale e si è provveduto anche alla raccolta del materiale documentario.

masseria luceIl Museo si articola in tre sezioni.

La sezione religiosità popolare dove sono esposti oggetti di antiche arciconfraternite ed associazioni: stendardi, labari, bandiere, mozzette, fasce, medaglioni ecc.; presepi dell’artigianato napoletano, arredi legati alla cappella o in prestito dalla chiesa di S. Pietro e donazioni varie.

Segue la sezione agricoltura con centinaia di attrezzi d’epoca di piccole e grandi dimensioni divisi in sottosezioni. Si possono ammirare centinaia di reperti di piccole e grandi dimensioni, concernenti la semina, la coltivazione e la trasformazione dei prodotti: antichi aratri, crivelli, solcatoi, gioghi, rastrelli, falci a mano, botti, torchi. E poi una falciatrice elettrica, una macchina spoliatrice a mano, una delle prime grandi trebbiatrici, etc.

masseria luce 1È allestita poi una casa contadina tipica d’inizio Novecento, con mobilio, suppellettili e attrezzi d’epoca e la sala altri mestieri dove sono stati sistemati antichi attrezzi da calzolaio, falegname, fabbro, pettinatore di canapa ecc.

Infine la sezione documenti con centinaia di foto d’epoca concernenti i matrimoni, le feste, i costumi, i mestieri e ancora, documenti e cartografie in originale o in copia riguardanti i casali agricoli di Napoli oltre ad una piccola biblioteca tematica sempre sui casali.

Il Museo laboratorio della civiltà contadina “Masseria Luce” è sorto nell’ottobre del 2000 nei locali a piano terra messi a disposizione dal Comune di Napoli che ne è il proprietario.

La “Masseria Luce” si articola in due corti, padronale e contadina. Presenta nella prima: la cappella, la cantina, il pozzo, il lavatoio e lo scalone d’onore ai piani superiori. Nella corte contadina i locali posti sotto gli archi ornamentali e di sostegno aprono al Cellaio e a quelle che erano le stalle e i depositi degli attrezzi e dei prodotti, nonché al giardino.

masseria luce 4Museo Masseria Luce è anche scuola di musica e canto popolare. Si tengono, infatti, ogni anno corsi di “Ballo sulla tammorra” e corsi per imparare a suonare i diversi strumenti musicali legati al canto popolare, in primis la tammorra. Nel museo c’è anche una mostra permanente della tammorra.

Il Museo è aperto dal Martedì al Sabato dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 al tramonto. La Domenica e i giorni festivi dalle 10.00 alle 13.00. Per le scuole e su prenotazione anche il lunedì.

 

 

 

 

 

Previous Libera ricorda Matilde Sorrentino, la mamma coraggio contro la pedofilia
Next IL PD SANNITA CONTRO UNA REGIONE NAPOLICENTRICA

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Il “Comizio d’amore” di Veneziani: “Amiamo la Patria, è mortale come noi”

“L’Italia ha una forte identità che è la storia del Paese, la sua lingua, il suo carattere e la sua cultura. L’Italia è la nostra Patria, e dobbiamo amarla perché pure le

Cultura

Federfarma Napoli in aiuto dei piccoli pazienti del Pausilipon Donata la somma per l’acquisto di un monitor destinato al reparto per il trapianto del midollo osseo del Pausilipon

Cinquemila euro da destinare all’acquisto di un particolare monitor che sarà utilizzato per i pazienti oncologici del Pausilipon: è il contributo che hanno voluto dare i titolari di farmacia napoletani

Cultura

Venerdì 21 febbraio, alle ore 21,00, al Teatro Diana di Nocera Inferiore “Settanta volte sette” la pièce pluripremiata della Compagnia Controcanto Collettivo

Venerdì 21 febbraio, alle ore 21,00, va in scena al Teatro Diana di Nocera Inferiore “Settanta volte sette”, spettacolo della Compagnia Controcanto Collettivo, per la regia di Clara Sancricca, vincitore del festival biennale “I Teatri

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi