Il nuovo sogno di Gucci si chiama Mémoire d’une Odeur ed è un invito a scavare nei ricordi (olfattivi)

“L’olfatto è il senso che, anche a occhi chiusi, ti trasporta in un preciso momento dello spazio e del tempo”, dice Alessandro Michele a proposito della sua nuova fragranza per Gucci, Mémoire d’une Odeur. Il profumo, insomma, sta al direttore creativo di Gucci come la madeleine sta(va) all’autore de A la recherche du temps perdu: è in grado di risvegliare memorie del passato e quindi le emozioni che le hanno accompagnate. Una rivelazione che, come un’epifania, riporta alla mente ricordi che sembravano dimenticati, e che improvvisamente si (ri)svelano in tutta la loro potenza. È il potere magico dell’olfatto, che riaccende in noi sensazioni istantanee, inconsce, ancestrali. Che in un secondo ci (ri)porta accanto a una persona amata o nella cucina della nonna, in un luogo del cuore o, come nel caso di Proust, alle domeniche mattina a Combray in compagnia della zia Léonie. Il profumo per Alessandro Micheleè soprattutto una dichiarazione d’identità. E come avviene già per le sue collezioni, quella di Mémoire d’une Odeur ha a che fare con una libertà di espressione che fa rima con fluidità: il nuovo profumo di Gucci è, a detta della maison fiorentina, una fragranza “universale”, che trascende il concetto di genere e di tempo. Esplora piuttosto il potere dei ricordi, che si collocano in una dimensione atemporale e pertanto eterna. Creato dal maître parfumeur Alberto Morillas con la supervisione di Alessandro Michele, il profumo dà anche origine a una nuova famiglia olfattiva: Minerale Aromatica. Al suo interno troviamo infatti la Camomilla Romana, cresciuta nei giardini dei dintorni di Roma, città di Michele, fin dal XVI e XVII secolo, che si fonde al Gelomino Corallo Indiano, noto per il suo profumo che si fa più intenso di notte, e a sentori di muschio, legno di sandalo e cedro e vaniglia. Un mélange prezioso e gender fluid custodito all’interno di un flacone in vetro verde acqua dall’estetica vintage, sigillato da un tappo e riposto in una scatola verde smeraldo punteggiata di piccole stelle, ispirata agli affreschi di Giotto nella cappella degli Scrovegni a Padova.

Di fronte alla lente ovattata di Glen Luchford, sulle note progressive rock di In Every Dream Home a Heartache dei Roxy Music, i protagonisti della campagna scelti da Michele incarnano alla perfezione i valori della nuova fragranza. A capitanare il gruppo dei 21 volti della maison c’è il cantante e attore Harry Styles, già protagonista delle ultime campagne Gucci Tailoring; la designer e musicista Zumi Rosow, a cui è ispirata la nuova it bag Gucci Zumi; le artiste Olimpia Dior e Ariana Papademetropoulos e il designer e attivista gender fluid Harris Reed, oltre ad alcuni dei modelli-musa di Alessandro Michele come Ellia Sophia, Tex Santos-Shaw e Unia Pakhomova. Insieme, si muovono leggeri sulle rovine baciate dal sole di Canale Monterano, nei pressi di Roma, e della tenuta di famiglia, il castello medievale di Montecalvello. Ballano, banchettano, si baciano: ci fanno sognare pomeriggi sogna(n)ti nel segno dell’amore e della spensieratezza, della libertà e dell’edonismo. Gli stessi valori che hanno trasformato Gucci nell’imbattibile icona del lusso globale che conosciamo oggi. Tra moda, fluidità e memorie del passato: profumatissime.

image

Previous SANNIO FALANGHINA 2019 INNOVAZIONE QUALITÀ SVILUPPO
Next Legge sullo Sport, il Cio al Coni: "Cambi, o rischio sospensione del comitato olimpico"

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

I proverbi sono saggi?

di Ernesto Nocera Soprattutto se si tratta di proverbi legati alle vicende delle persone comuni. Quelle che costituiscono la base della piramide sociale da sempre oggetto delle attente procedure fiscali

Cultura

Opera di Roma, bufera sulla Abbagnato: “Insulta i ballerini”

Guai in vista per la ballerina Eleonora Abbagnato. L’ultima sfuriata dell’ex étoile contro i suoi colleghi non è passata inosservata. L’Abbagnato, dal 2015 direttrice del corpo di ballo dell’Opera di

Cultura

Il Vescovo Raffaele Nogaro: un testimone del nostro tempo

Ci sono figure carismatiche, capaci di attraversare il proprio tempo, di viverlo fino in fondo, dimostrando di essere protagonisti di un cambiamento, incidendo sui singoli eventi e andando a modificare

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi