Il Parlamento Ue condanna Orban. Tutto nelle mani dei leader

Il Parlamento europeo ha approvato la relazione Sargentini sullo stato di diritto in Ungheria, dando così l’ok all’applicazione dell’articolo 7 dei Trattati, che nella sua fase più avanzata può condurre a sanzioni contro il Paese. A favore hanno votato 448, 197 si sono espressi contro, 48 si sono astenuti, per un totale di 693 votanti. Ora la parola passa al Consiglio europeo, ovvero ai capi di Stato e di governo dell’Unione. E’ la prima volta il Parlamento ha adottato tale iniziativa per l’attivazione dell’articolo 7 per una grave minaccia allo Stato di diritto, alla democrazia e ai diritti fondamentali in uno Stato membro, in questo caso l’Ungheria.

Il Partito popolare europeo europeo si è spaccato, con la maggioranza del gruppo che ha votato a favore delle sanzioni a Orban e una minoranza, tra cui Forza Italia, che si è espressa contro. “Se fossi stato un eurodeputato, oggi anche io avrei votato per l’attivazione dell’articolo 7”, ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, che fa parte del Ppe. Solo 59 i voti contrari tra gli eurodeputati del Partito popolare europeo. Il movimento 5 Stelle è stato l’unico all’interno del gruppo (Efdd) a votare in favore delle sanzioni all’Ungheria di Viktor Orban, mentre gli europarlamentari della Lega, insieme a tutti gli altri componenti del gruppo Enf, hanno votato contro.

Dura la condanna della Lega. “Le sanzioni contro Orban e l’Ungheria votate dal Parlamento Europeo sono una pagina bruttissima per la democrazia e l’intera Europa”, ha commentato la capogruppo del partito al Parlamento Europeo, Mara Bizzotto. “Che una parte consistente del Ppe si sia prestato a questo linciaggio politico contro uno dei suoi leader – ha sottolineato – è sotto gli occhi di tutti: spero che Orban, dopo questo affronto, molli il Ppe ed entri a far parte del nuovo blocco identitario e sovranista che stiamo costruendo in vista delle Europee del 2019”

Previous Luciano De Crescenzo Premio Nobel per la letteratura?
Next NAPOLI , RIPRESA DEGLI ALLENAMENTI :GLI AZZURRI PREPARANO LA SFIDA INTERNA CONTRO LA FIORENTINA

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Apple Napoli: La verità e le esperienze dei primi 100 diplomati

SI conclude oggi il percorso dei primi 100 studenti dell’Accademy Apple – Federico II di Napoli, un percorso iniziato nell’ottobre scorso e che termina con il conseguimento di un attestato

ultimissime

Salvini a Pontida: “Questa è l’Italia che vincerà: mai a sinistra, mai col Pd. Pronti i nostri referendum.”

A Pontida è il giorno del grande raduno leghista. Fin dalla prima mattina i militanti del Carroccio hanno cominciato ad affluire sul prato, dove gli organizzatori si attendono 20mila presenze,

ultimissime

ZINGARETTI A NAPOLI:” IL CENTROSINISTRA E’ ANCORA VIVO. IL PD E’ MALATO, BISOGNA RICOSTRUIRLO”

In vista delle primarie di domenica 3 Marzo, è arrivato a Napoli, nella giornata di ieri, il Presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti, candidatosi recentemente come segretario del Pd. Ha

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi