Il sito antibufale Butac.it è stato sottoposto a sequestro preventivo, ed è inaccessibile

Il sito antibufale Butac.it è stato sottoposto a sequestro preventivo dalla Procura di Bologna e  per questo è inaccessibile,in seguito a una querela per diffamazione per un articolo pubblicato sul sito nel 2015.

Il fondatore Michelangelo Coltelli “Stiamo lavorando con i nostri avvocati per il dissequestro. Abbiamo fiducia nelle istituzioni con cui abbiamo più volte collaborato quando richiesto”, ha scritto, e poi ancora “Chiedo per cortesia di evitare ‘shitstorm’ di alcun genere su bacheche di soggetti che ritenete d’aver identificato, non ne hanno colpa alcuna, loro diritto era querelare, la giustizia farà il suo percorso!”. Butac, acronimo di ‘Bufale un tanto al chilo’ è uno dei più noti siti italiani di debunking e nel corso degli anni si è occupato di verificare molte delle false notizie diffuse soprattutto sul web.

Lo ‘shitstorm’, è la pratica di inondare di messaggi per lo più offensivi le pagine social responsabili di una determinata opinione o azione.

Previous ELIO PARIOTA." PARADOSSO BREXIT, FAR STAMPARE IL PASSAPORTO ALL'AVVERSARIO!"
Next NAPOLI-CHIEVO: AZZURRI A CACCIA DI UN SUCCESSO PER ALIMENTARE LE SPERANZE SCUDETTO!

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Fase 2 senza messe, Don Vitaliano assolve il Governo: «Non condivido la posizione della Cei, anche un prete può usare lo streaming»

Il parroco di Capocastello conferma in un’intervista a  Flavio Coppola pubblicata sul sito di Orticalab un pensiero originale e non si allinea pedissequamente alla durissima contestazione della Conferenza episcopale: «Il

Approfondimenti

Parte la campagna dei cardiologi “Ogni minuto conta” .

In caso di infarto ogni minuto conta, letteralmente. E molto più di quanto si supponesse in passato: nuovi dati discussi durante il convegno di presentazione della campagna nazionale sulla gestione

Approfondimenti

Ambiente, M5S: Vallo di Diano e Cilento come la Terra dei Fuochi, assenti i sindaci in Commissione

“Tutti i sindaci dei Comuni del Vallo di Diano avrebbero dovuto raccontare le criticità dei territori che amministrano rispetto agli atti contenuti nel processo Chernobyl. Un’adizione convocata davanti alla III

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi