Il sogno mondiale dell’Italia si infrange ai quarti.

La distanza tra i sogni e la realtà si chiama azione. La squadra azzurra femminile lo sa bene. Nonostante l’impegno e la dedizione, oggi si è concluso con una sconfitta il percorso delle azzurre al mondiale.  Le ragazze di Milena Bertolini escono a testa alta dal mondiale dopo la storica impresa di aver riportato l’Italia fra le prime 8, dopo 20 anni. Passano le olandesi, più forti tecnicamente e fisicamente, ma le azzurre non hanno da rimproverarsi nulla a parte qualche occasione che nel primo tempo avrebbe potuto cambiare la partita. Sotto il sole a picco delle 15, orario subito e contestato da entrambe le squadre, Sara Gama, Valentina Giacinti, Elisa Bartoli, Barbara Bonansea e le altre azzurre, sono colate a picco nel secondo tempo, soltanto quando avevano dato ormai tutto. Molte lacrime alla fine, ma è di più l’orgoglio per un’impresa indimenticabile, il calcio in Italia da adesso è anche donna. Il pallone al femminile ha dimostrato di avere qualità e di essere un grande spettacolo, milioni di italiani hanno sofferto per le ragazze della Bertolini davanti alla tv, battendo record su record. Ed ha messo in mostra anche valori diversi, più autentici, che hanno riportato indietro agli anni gloriosi di un calcio rimasto sepolto nei ricordi e negli almanacchi. Non è mancato, ovviamente, il commento a caldo del Ct che ha applaudito le sue ragazze per la grande impresa affrontata.  “Usciamo a testa alta, le ragazze hanno fatto un Mondiale eccezionale – ha spiegato a fine partita -. Anche oggi hanno fatto una grande partita, contro un avversario forte, sono molto orgogliosa di loro”. Poi l’appello: “Ora chi ha il compito di prendere certe decisioni deve farlo, perché le ragazze meritano il professionismo”.”Se non sfrutti le occasioni, se non sei cinica, poi diventa difficile, ma le ragazze hanno fatto vedere tutto il loro valore – ha aggiunto il commissario tecnico – Le lacrime ci stanno, le emozioni, ma ora devono vedere la cosa bella che questo e’ un punto di partenza per il loro futuro. Ogni sconfitta insegna qualcosa, ma abbiamo fatto vedere tutte le cose positive che stiamo facendo”.

Milena Bertolini (Getty Images)

Ora la Bertolini chiede il professionismo per il calcio femminile. “Da ora in poi il calcio femminile in Italia sarà diverso. ora chi ha il compito di prendere certe decisioni deve farlo, perché le ragazze meritano il professionismo ed opportunità diverse. Oggi hanno giocato contro colleghe professioniste e da quel punto di vista era una partita non alla pari – il suo pensiero – Tutte hanno dato l’anima e il cuore per questi due mesi, sono ragazze che hanno dato tanto e sono arrivate stanche”.

Previous Caserta,buona la prima, in scena una particolare commedia di Cinzia Berni.
Next Carceri: garante Campania, suicidio in carcere a Poggioreale  Trovato impiccato da cognato che si trovava in stessa cella  NAPOLI 

L'autore

Può piacerti anche

Sport

FIORENTINA CHE INCANTA , INTER UN PO’ MENO, MA SOLA AL COMANDO !

La terza giornata di campionato inizia con una partita bollente allo stadio Artemio Franchi tra Fiorentina e Juventus. Bollente sia per i 31’ gradi della temperatura in campo sia per

Sport

NIZZA-NAPOLI , LE DICHIARAZIONI POST GARA DI MAURIZIO SARRI :” LA CHAMPIONS E’ IL GIUSTO PREMIO PER QUESTO GRUPPO “

“La Champions è il premio più giusto per questa squadra.La scorsa stagione abbiamo fatto 86 punti e meritavamo assolutamente di poter disputare questa competizione anche per il gioco mostrato dai

Sport

IMMENSO ZANARDI, E’ DI NUOVO ORO OLIMPICO. L’UOMO CHE VISSE DUE VOLTE

La medaglia d’oro alle Olimpiadi Paraolimpiche di Rio di Alex Zanardi nella cronometro Handbike H5 e’ l’ennesima conferma di quanto la costanza, la passione e l’amore per la vita siano legate

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi