Il taglio dei parlamentari diventa legge, alla Camera 553 sì

La Camera ha approvato in via definitiva il taglio del numero dei parlamentari. I sì sono stati 553, i no 142 gli astenuti. Era necessaria la maggioranza assoluta dei componenti dell’assemblea (316 voti). Il testo, che diventa legge, modifica gli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione e riduce i deputati da 630 a 400 con la conseguenza che anche quelli eletti all’estero passano da 12 a 8. I senatori da 315 diventano 200 e i 6 senatori all’estero diventano 4.

Viene stabilito inoltre che nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a tre (nella Costituzione vigente sono sette). Cambia anche l’articolo 59 sui senatori a vita: il numero di quelli “in carica nominati dal Presidente della Repubblica non può in alcun caso essere superiore a cinque”.

Secondo quanto stabilito dall’articolo 138 della Costituzione, la legge – che non ha ottenuto l’ok dei due terzi dei componenti di Camera e Senato nella seconda lettura –  potrà essere sottoposta a referendum popolare se, entro tre mesi dalla pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o 500mila elettori o cinque Consigli regionali.

Previous Disturbi dell'alimentazione: in Italia un bambino su tre è sovrappeso. E' record europeo
Next Morta dopo parto nel Napoletano, visita degli ispettori del ministero della Salute

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

RENZI:”NESSUNA MOZIONE EVERSIVA.APRIAMO UNA PAGINA NUOVA PER IL FUTURO DEL SISTEMA BANCARIO,CHI HA SBAGLIATO PAGHI,SE CI SONO COSE DA CAMBIARE, SI CAMBINO.”

La polemica è forte, dopo la mozione presentata dal PD su Bankitalia. Dentro e fuori il Pd.Nessun atto di lesa maestà nel criticare l’operato di un governatore della banca d’Italia.

Officina delle idee

VASQUEZ:” NAPOLI NON SI PUO’ PERMETTERE DI ESSERE CONTRO TUTTI,OCCORRE DIALOGARE”

di Vittorio Vasquez Uno spirito critico per una svolta reale e concreta Io ho votato de Magistris come ha fatto il 20% dell’elettorato napoletano e so che ancora oggi non

ultimissime

SERRACCHIANI: “CHI CHIEDE UN ALTRO ITALICUM RICORDI PERCHE’ CADDE L’ULIVO”

”Le riforme che sta portando avanti il governo Renzi e il Pd vengono da lontano, dalla storia del centrosinistra italiano che è stata la storia dell’Ulivo. Nella tesi n.4 è

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi