Il terzo – ed ultimo – appuntamento con la mini rassegna punk – ska – rock “When I was young… on friday night!”  è con i  MEGANOIDI



Mancano da oltre cinque anni e venerdi – 7 dicembre – sarà il loro ritorno a Napoli. Per i genovesi Meganoidi, storica band a cavallo tra ska e rock evoluto che sul finire degli anni ’90 trovò il successo con le hit “Zeta Reticoli” e “Supereroi vs. la municipale”; ci sarà un gradito ritorno live con i brani tratti dal nuovo album “Delirio Experience”. Il sesto progetto discografico del gruppo capitanato dal cantante Davide Di Muzio, a sei anni da “Welcome in disagio”, è l’ultimo capitolo di un percorso artistico che negli anni ha saputo evolversi come le storie dei suoi protagonisti.
I Meganoidi, nome preso in prestito dalla saga del cartone animato giapponese anni 80 Daitarn3, negli anni si sono evoluti nello stile e nel suono: partiti come ska-band si sono incamminati in un rock alternativo in continua evoluzione.
Il gruppo, completato da Luca Guercio alla tromba, chitarra e cori; Jacco al Basso; Andrea Torretta alla chitarra e Saverio Malaspina alla batteria; con l’ultimo lavoro discografico “Delirio Experience” ha messo nuovamente in discussione il suo percorso artistico, posizionando al centro della composizione l’esigenza di avere canzoni e arrangiamenti che riescano ad arrivare in modo più diretto e dirompente.
Il concerto al First Floor Club di Pomigliano d’Arco si prospetta una grande occasione per rivedere dal vivo una tra le band più intense ed espressive di tutto il panorama musicale indipendente italiano.

Guarda il video di “Tutto è fuori controllo”
https://youtu.be/5F0oB7GTTsU
Ascolta l’album “Delirio Experience”
https://open.spotify.com/album/6NFXKSwS3NU0q0OzeoAKv8


[scarica la fotografia della band in formato hi-res]

BIOGRAFIA BAND
La storia dei Meganoidi comincia a Genova, dove la band si forma tra la fine del 1997 ed inizio del 1998.
Si esibirono inizialmente in alcuni centri sociali genovesi (“Terra Di Nessuno” e “Zapata”) dove fecero sentire il primo EP d’ersordio Supereroi VS Municipale, che rivela, seppur ad uno stadio ancora embrionale, quelli che saranno i tratti distintivi di ogni futuro progetto dei Meganoidi: autoproduzione ed autodeterminazione artistica. Il consenso ottenuto da questo demo (che andrà esaurito) permette al gruppo genovese di intensificare l’attività live e di essere chiamato a calcare il palco al fianco di importanti bands nazionali ed internazionali.
Nella primavera del 2000 i Meganoidi autoproducono e registrano il loro primo album, Into The Darkness, Into The Moda, che, pubblicato nell’autunno successivo, ottiene positivi riscontri dalla stampa specializzata.
Mentre la prima tiratura di 1000 copie va esaurendosi, nel marzo del 2001 la band decide di estrarre dall’album il singolo Meganoidi e di autoprodurne il video, affidandone la regia a Lorenzo Vignolo. Nel giugno del 2001, Into The Darkness, Into The Moda, stampato in una nuova edizione da Venus Distribuzioni in un numero di 4000 copie, si esaurisce nel giro di una settimana e, contemporaneamente, il videoclip conquista una frequente programmazione da parte dei networks. Per i Meganoidi si aprono le porte del loro primo e serratissimo tour (30 date solo nell’estivo) che li condurrà in giro per la penisola per un anno e mezzo.
Nel settembre del 2001 il brano Supereroi viene scelto come secondo singolo e la sua uscita viene accompagnata dalla realizzazione del relativo videoclip. L’attività live del 2002 culmina con la partecipazione della band ad alcuni dei più importanti festival nazionali (tra i quali “Heineken Jammin’ Festival”, “Indipendent days Festival”, “MTV day”).
Nell’autunno del 2002, a tour concluso e dopo 50.000 copie vendute, i Meganoidi decidono di fermarsi per dedicarsi alla realizzazione del secondo album.
Il nuovo progetto prende forma nel corso di sei mesi di lavoro svolto al GreenFogStudio e risente, inevitabilmente, dell’influenza dei rinnovati orientamenti musicali che ogni componente del gruppo ha fatto propri durante gli anni trascorsi dal momento dell’esordio discografico.
Ne deriva la nascita della matrice “Meganoidi”, una netta svolta stilistica rispetto al mercato discografico che mette la band al centro della sperimentazione e alla ricerca continua.
Anche il concetto di autoproduzione e di indipendenza artistica, così come concepito dal Meganoidi-pensiero, si perfeziona ulteriormente durante la lavorazione del disco. Outside The Loop Stupendo Sensation, il secondo album dei Meganoidi viene infatti pubblicato e prodotto dai Meganoidi. I limitati budget vengono gestiti in maniera da non compromettere l’aspetto qualitativo del suono e, pertanto, il mixaggio dei 12 brani viene affidato alle sapienti mani di Vic Florentia, già all’opera con Danko Jones e Tool e realizzato all’Iguana Studios di Toronto. Per la masterizzazione ci si affida al Classic Sound di New York ed alla competenza di Joe Lambert. L’album viene posto in vendita al prezzo imposto di 13 €, come chiaro segno di opposizione alla politica discografica delle majors ed all’ingiustificato e continuo aumento dei prezzi dei cd musicali. Outside The Loop Stupendo Sensation viene presentato per la prima volta dal vivo il 4 giugno del 2003 a Genova, due giorni prima dell’uscita ufficiale nei negozi. Il singolo che accompagna l’uscita del disco è For Those Who Lie Awake (Let’s Go!) il cui video viene realizzato con la regia di Stefano Bozzetta.
Nell’inverno del 2003 il secondo singolo, Zeta Reticoli, riscuote ampi consensi ed incrementa la popolarità dell’album. Il video (diretto da Lorenzo Vignolo) viene incessantemente proposto in rotazione da tutti i network rimanendo per oltre 5 mesi tra i 5 videoclip più richiesti. Nel giugno del 2004 viene autoprodotto il video relativo al terzo singolo estratto: si tratta del brano Inside The Loop, realizzato con la regia di Stefano Bozzetta.
Lo “Stupendo Tour”, partito contemporaneamente all’uscita del disco, vede i Meganoidi prodursi in una intensa attività live (150 date che toccano tutta l’Italia nell’arco di tempo di circa un anno) che si conclude nell’estate del 2004. All’interno di questa fittissima agenda, trovano spazio anche le prime significative esperienze internazionali per la band genovese – l’ 8 gennaio del 2004 rappresentano l’Italia all’ “Eurosonic Festival” di Groningen, Olanda; – dal 3 al 10 febbraio 2004 sono impegnati nel “Japan Tour” durante il quale si propongono in quattro concerti nelle città di Tokyo, Osaka e Nagoya; – il 22 luglio 2004 sono ospiti del prestigioso Festival francese “Nice Jazz Festival 2004” ed aprono il concerto di Peter Gabriel.
Nell’autunno del 2004 i Meganoidi si ritrovano nuovamente in studio per lavorare al successore di Outside The Loop Stupendo Sensation e, in attesa della sua uscita prevista entro la prima metà del 2006, prende corpo l’idea di pubblicare un Ep che lo anticipi. Il 13 maggio del 2005 viene pubblicato And Then We Met Impero, un concept Ep che stravolge la formula sonora del precedente album. Le cinque tracce di cui si compone propongono un songwriting articolato e stratificato. Minimalismi strumentali, delicati flussi armonici e fughe emotive si rincorrono eludendo gli schemi classici della forma canzone, spingendosi verso derive decisamente progressive. I temi di And Then We Met Impero vengono proposti dal vivo durante il corso di un breve tour che si apre il 25 maggio e che si conclude il 2 luglio del 2005.
Il 28 aprile del 2006 viene pubblicato il nuovo album, titolato Granvanoeli. Le dieci tracce chiamate a darne forma concreta consolidano ulteriormente l’orditura costruita dalla precedente pubblicazione e tessono una trama sonora ancora più complessa. Il processo di maturazione e sperimentazione, perfezionatosi nel corso della lavorazione del disco, spinge l’approccio alla composizione dell’ensemble a ricercare e valorizzare atmosfere contemplative che si esprimano attraverso un suono che, seppur maggiormente strutturato, necessiti allo stesso tempo di non prescindere da parentesi sonore minimali ed episodi acustici. Una meditata alternanza tra pieni e vuoti, melodie viscerali, un cantato più eloquentemente partecipato rispetto al recente passato, sono alcuni degli elementi peculiari di Granvanoeli, che si distingue rispetto agli altri lavori anche per una maggior valorizzazione della lingua italiana che, come mai prima nella storia dei Meganoidi, trova spazio all’interno delle liriche. Il 5 maggio 2006, mentre il nuovo tour (cominciato il 22 aprile 2006) è in pieno svolgimento, per il brano Dai Pozzi, primo singolo estratto da Granvanoeli, viene realizzato un videoclip, affidato alla sapiente regia di Lorenzo Vignolo. Mentre è in pieno svolgimento il tour che sta conducendo per la penisola le arie di Granvanoeli, i Meganoidi annunciano che “Un Approdo” sarà il secondo singolo estratto dall’album. Il 22 gennaio 2007 viene lanciato il videoclip che è stato concepito e diretto da Stefano Bozzetta.
Il video è stato girato interamente a Genova, utilizzando una particolare tecnica che ha messo in sequenza più di 12000 scatti realizzati con una fotocamera digitale ad alta definizione.
Nel 2009 i Meganoidi tornano con un nuovo lavoro per festeggiare i loro 10 anni di attività. Con “Al Posto Del Fuoco” la band genovese propone un album totalmente in italiano, con sonorità e impulsi ritmici che fanno approdare il gruppo ad una formula migliore rispetto al passato.
Per la realizzazione del primo videoclip “Aneta” è stato scelto il regista genovese Stefano Bozzetta che ha perfettamente valorizzato il magma rock, grottesco e surreale racchiuso nel singolo che la band ha deciso di utilizzare per rompere il ghiaccio. L’artwork dell’album è stato realizzato da Leonardo Gatto (Take off your shirt – toyshirt.it) disegnando e scrivendo a mano ogni singola parte del lavoro, testi compresi. L’album è stato registrato da Mattia Cominotto dei Meganoidi che dal 2006 ha lasciato l’attività live per portare avanti il GreenFogStudio.
La masterizzazione dell’album è stata eseguita da Maurizio Giannotti al New Mastering di Milano. L’album “Al Posto Del Fuoco” uscirà il 10 aprile del 2009 e sarò seguito da un tour che porterà i Meganoidi in giro per l’ltalia fino all’estate del 2011.
I Meganoidi entrano in studio nell’inverno del 2011 ed escono con il loro quinto album intitolato “Welcome in disagio” registrato e mixato da Mattia Cominotto. Un disco condito di colori, riff e liriche che trasmettono il loro concetto di completezza. Un completezza che è direttamente proporzionale all’essenza di ogni individuo fatto di ironia, malessere, speranza e desideri. I Meganoidi non hanno mai avuto paura di mettersi in gioco, grazie anche al DNA della loro Genova, perchè quando si smette di giocare, si smette di essere, di vivere e di scoprire.
Nel 2014 esce il CD+DVD live Meganoidi in Concerto prodotto insieme ad oltre 280 fan con la piattaforma di Musicraiser, registrato e mixato da Nicola Sannino con le riprese video e montaggio a cura di Lucerna Films.
Questo live ideato da Luca Guercio (trombettista/chitarrista della band) e prodotto esecutivamente insieme a Tiziano Scali (fonico live della band) ripercorre l’intera carriera ed è possibile guardarlo in HD gratuitamente su YouTube.
Fino al 2017 la band porta in giro il tour che ripercorre la storia discografica dei Meganoidi, ma nell’autunno, prende vita “Delirio Experience”.
Un disco che mette nuovamente in discussione il percorso Meganoidi, posizionando al centro della composizione l’esigenza di avere canzoni e arrangiamenti che riescano ad arrivare in modo più diretto e dirompente. Luca Guercio e Davide Di Muzio (cantante) scrivono un disco che segna un nuovo inizio per la band. Il disco viene registrato e mixato dal nuovo collaboratore stabile, Nicola Sannino, presso il Tabasco Studio di Sori.
Luca Guercio e Nicola Sannino curano l’intera produzione di “Delirio Experience” ed il 2018, rappresenta un traguardo importante per la band: 20 anni di attività.


Official web
http://www.meganoidi.com/
https://www.facebook.com/meganoidiband

 

Al First Floor Club cibo&sound musica rocksteady, mods, punk e rock.


First Floor cibo&sound si trova a Pomigliano d’Arco (Na)
in via Giosuè Carducci 7 (ex Piazza Primavera).

Il club propone il meglio della musica indipendente nazionale ed internazionale.

Offre un’ampia scelta di ristorazione con un menù strutturato in quattro sezioni, bistrot, steak house, street food e sfizi per incontrare i gusti di tutti i palati. Ottimo per feste private e party.

Per info prenotazioni e invio demo scrivi a floorstudio@libero.it  – tel. 393 672 1727


Ufficio Stampa First Floor


UFFICIO STAMPA  | MANAGEMENT | CONSULENZA STRATEGICA PER EVENTI | MUSIC & ARTS PROMOTION | DIGITAL-PROMO
www.hungrypromotion.it  tel. 3395840777

Email inviata con   Logo MailUp
Unsubscribe   |   Disiscriviti
Previous PD NEL CAOS. MARCO MINNITI SI RITIRA:"IL MIO E' UN GESTO D'AMORE PER IL PARTITO." LE MOSSE DI RENZI.
Next NUOVO APPUNTAMENTO GIOIN PER IL 2018

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

CONSOLATO RUSSO IN NAPOLI, CELEBRATA “LA FESTA DELLA RUSSIA” CON UN CONCERTO LIRICO CON I CANTI RUSSOFONI. IL CONSOLE SCHIAVO: “UNA COMMEMORAZIONE CHE ABBATTE BARRIERE ETNICHE, RAZZIALI E CULTURALI, FORTIFICANDO I RAPPORTI TRA LA CAMPANIA E LA RUSSIA”

Il Consolato Russo in Napoli ha celebrato la “Festa della Russia”, che commemora la costituzione della Federazione Russa (12 maggio 1991) a seguito della caduta dell’Unione Sovietica.Presso la Basilica dello Spirito

Officina delle idee

FALCHI, FALCONE E I GIOVANI DEL PD

Uno spera di trovare idee nuove, ma a volte si scontra con un settarismo vecchio, pardon, obsoleto. Ricapitoliamo: perché si fanno le primarie? Per scegliere il candidato di un partito

Officina delle idee

CASERTA: A TREGLIA LA “SAGRA DELLA CASTAGNA UFARELLA”, NEL VERDE DEI MONTI

Un appuntamento imperdibile per gli amanti di questo periodo,  è la “Sagra della Castagna Ufarella” in programma a Treglia, in provincia di Caserta, nei week end del  14-15 ottobre e 21-22

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi