IL TRENO DEI “DESIDERI “,DA NAPOLI A PAESTUM : UN VIAGGIO SU UN TRENO D’EPOCA

Il treno dei “desideri” arriva in Cilento. Una iniziativa lanciata dalla Regione Campania per stimolare e agevolare il flusso turistico verso l’antica Poseidonia. Per la prima volta, da Napoli a Paestum, i turisti potranno viaggiare su un treno d’epoca. Palazzo Santa Lucia, infatti, sosterrà un finanziamento speciale per la città dei Templi, inserendo nuove fermate del convoglio storico e prolungandone il percorso. Sarà possibile visitare Pompei e poi concedersi un’escursione nell’area archeologica di Capaccio Paestum, patrimonio Unesco. Un impegno della Regione nei confronti di Trenitalia che rende soddisfatto il sindaco di Capaccio Paestum Italo Voza, il quale oltre a ringraziare l’ ente per l’impegno profuso ha sottolineato come anche grazie al lavoro del direttore Zuchtriegel e del ministro dei beni culturali Franceschini, i visitatori dell’area archeologica pestana siano aumentati sensibilmente. Oltre alla delibera sul treno d’epoca, all’interno del Burc la Regione ha previsto il prolungamento dell’alta velocità fino a Sapri con tappe intermedie ad Agropoli e Vallo della Lucania, dotate di servizio intermodale (treno più bus). Gli indirizzi promossi nei confronti di Trenitalia, sono stati studiati per rendere maggiormente accessibile a visitatori e turisti, ma non solo, tutto il territorio del parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, condividendoli in massima parte con l’azienda, alla quale spetteranno le decisioni definitive in merito.

Dal sito “La Repubblica di Napoli “

Previous Napoli, a breve l'Ufficialità del rinnovo di Dries Mertens!
Next SECONDO L'ISTAT IN ITALIA È IN CRESCITA LE DISUGUAGLIANZE ALL'INTERNO DELLE CLASSI

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Primarie del Pd, Gennaro Migliore: “Io sono un’esperienza collettiva, non sono Maradona, voglio portare un’intera generazione a cambiare questa Regione”

Nello Di Nardo, Vincenzo De Luca, Gennaro Migliore, Andrea Cozzolino, Marco Di Lello. Questo l’ordine in cui compariranno i candidati sulla scheda elettorale. Terzo della lista, l’ex dirigente, deputato e

Officina delle idee

La pelle (ambigua) di Curzio Malaparte

«L’aspetto del mare era forse più orribile che non l’aspetto della terra. Fin dove giungeva lo sguardo, non appariva che una dura crosta e livida, tutta sparsa di buche simili

Officina delle idee

La festa di San Valentino. I suoi pro e i suoi contro sui Social.

San Valentino. Strano giorno. Soprattutto per chi si chiama Valentino. Non riceverà mai gli auguri. Ma chi è San Valentino, che pronunciato sembra sanvalentino? E’ stato un vescovo, protettore degli innamorati.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi