IMMIGRAZIONE:I VERI NUMERI DEL 2016.IL GOVERNO SI MUOVE.IL MINISTRO DELL’INTERNO MARCO MINNITI E’ STATO PRIMA A TUNISI E POI A MALTA.

Nel 2016 sulle coste italiane sono sbarcati 181.436 Migranti, il 17,94% in più dell’anno precedente (153.842) e il 6,66% in più di due anni prima (170.100). Il dato, aggiornato al 31 dicembre, è stato reso noto dal Viminale, secondo cui il Paese dal quale provengono più Migranti – in base a quanto dichiarato al momento dello sbarco – è la Nigeria (37.551 sbarcati) davanti a Eritrea (20.718), Guinea (13.342), Costa d’Avorio (12.396), Gambia (11.929), Senegal (10.327), Mali (10.010), Sudan (9.327), Bangladesh (8.131) e Somalia (7.281).

Sempre nell’arco dell’anno appena trascorso, i porti maggiormente interessati dagli sbarchi sono stati Augusta (25.624), Pozzallo (18.970), Catania (17.989), Messina (15.188) e Palermo (15.083).

Intanto il governo si muove per provare a trovare la svolta nella gestione dei flussi. Secondo giorno di viaggio nel Mediterraneo per il ministro dell’Interno Marco Minniti che è stato prima a Tunisi e poi a Malta. “Abbiamo affrontato le questioni della sicurezza e dell’immigrazione”, ha spiegato, parlando di una “collaborazione molto proficua” con le autorità tunisine. Il Viminale spinge per un rafforzamento dei Cie e una accelerazione dei rimpatri, puntando sulla firma di nuovi accordi bilaterali.

Un approccio che non piace a molti, a partire dagli stessi amministratori del centrosinistra. “La caratteristica dei Cie – attacca il presidente della Toscana Enrico Rossi – è quella di essere un ambiente promiscuo. Ci sono delinquenti, e Amri (l’attentatore di Berlino, ndr) per esempio era uno di questi, ma anche padri di famiglia che hanno perso il lavoro o che hanno un lavoro non risconociuto dalla Bossi-Fini”.

Anche dall’Anci arrivano inviti alla calma: “Vogliamo una distribuzione diffusa – dice il presidente dell’Associazione dei Comuni e sindaco di Bari Antonio Decaro, anche lui del Pd – Con l’intesa Anci-Viminale – ricorda – stiamo cercando di coinvolgere tutti i Comuni nello Sprar (Servizio centrale del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, ndr). Con questo sistema che fissa un tetto all’arrivo in base alla popolazione, a Cona sarebbero state accolte otto persone, due nuclei familiari, non millecinquecento”.

Previous "IN VINO ITINERAS. ERRANZE IN CERCA DI ALTRE SOSTANZE,il 7 gennaio alle 20,30,"Il teatrino di Perzechella"
Next Morbillo: casi raddoppiati nel giro di un anno. L’Italia è uno dei 18 Stati membri della Regione europea dell’Oms in cui non è stata ancora interrotta la trasmissione endemica della malattia. Nei primi sei mesi del 2016 in due Regioni italiane sono stati registrati focolai tra la popolazione Rom/Sinti e operatori sanitari

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Siria: Trump attacca insieme a Londra e Parigi. Un popolo in ostaggio. Armi chimiche un pretesto.

Donald Trump ha sciolto le riserve e, a una settimana dall’attacco chimico alla città siriana di Duma, ha ordinato la rappresaglia in stretto coordinamento con Londra e Parigi. Lo ha

ultimissime

Pd, Orfini: Sì a coalizione ma no a ogni costo. “Ok a doppio ruolo segretario-premier, no veti da partiti del 2%”.

Coalizione sì, ma non a “ogni costo”. E’ questa la linea del presidente del Pd Matteo Orfini che mette in guardia dagli errori del passato. “Noi abbiamo fatto una proposta

ultimissime

SAVE THE CHILDREN :GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI .PIU’ DI TRE RAGAZZI SU CINQUE VITTIME DI DISCRIMINAZIONI

Più di 3 ragazzi su 5 vittime di discriminazioni, emarginati o derisi dai loro coetanei; 9 su 10 testimoni diretti di episodi contro i loro compagni, soprattutto a scuola. L’omosessualità,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi