In nome del debito pubblico

Se da bambino mi avessero chiesto «chi crea i soldi?», ingenuamente avrei risposto «lo Stato» e ci avrei azzeccato. Oggi quella risposta sarebbe sbagliata. Sottoscrivendo alla moneta unica europea, abbiamo rinunciato alla facoltà di battere moneta e di stampare banconote e non bisogna essere luminari in materia economica per capire che se uno stato crea da sé i soldi si trova in una situazione di vantaggio rispetto ad uno stato che deve chiederli ad altri.

È evidente che producendo soldi, si produce anche occupazione e il conseguente benessere tra i cittadini (certo con tutti i rischi connessi ad una inevitabile inflazione nel corso del tempo). Ora non facciamo altro che prendere in prestito la moneta da altri – chi? Europa, BC, BCE? – e ovviamente dobbiamo restituirla. Ci siamo mai chiesti chi dobbiamo ripagare con i sacrifici che ci vengono chiesti ogni giorno? Se esiste un debito, quello pubblico, esiste anche un creditore.

Quello che è certo è che l’ Italia paga l’ Euro non a prezzo tipografico (pochi spiccioli) ma a prezzo nominale – 5mila Lire di un tempo allo Stato italiano costavano praticamente zero, adesso 5 Euro costano 5 Euro più interessi e, ovviamente, pagano i cittadini.

Il Giappone ha un debito pubblico superiore all’ Italia ma non è ancora arrivato alla frutta, come mai? È semplice: oltre ad essere uno stato a moneta sovrana, il 90 % del debito pubblico è detenuto dai giapponesi mentre noi italiani, siccome il debito pubblico è una cosa brutta e cattiva, ne abbiamo ceduto una parte agli stranieri e un’ altra a banche, assicurazioni e fondi comuni.

Il grado di civiltà di un paese e di una cultura si mostra soprattutto nella natura del proprio nazionalismo – i giapponesi lo sono riguardo all’ economia e al benessere comune, gli italiani riguardo al calcio.

La moneta unica avrebbe dovuto evitare rischi di fluttuazione e costi di cambio, creare stabilità dei prezzi, opportunità per le imprese, integrazione dei mercati, mercato del lavoro, rinsaldamento dell’ identità europea…Mah?!?

Escludendo il fatto di viaggiare tra i vari paesi comunitari senza passaporto, bisogna davvero sforzarsi per riconoscere i vantaggi pratici dell’ essere europei.

Previous Antonella Cilento e lo spirito di Lisario
Next Il meglio e il peggio di tutta l’Italia nel rapporto OCSE

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

M5S: “Attivare e riorganizzare il laboratorio di microbiologia a Nocera per lo screening e diagnosi covid19”

La Campania ultima regione in Italia per numero di tamponi in relazione al numero di residenti”. “Attivare e riorganizzare il laboratorio di microbiologia dell’Ospedale Umberto I di Nocera Inferiore per

Economia e Welfare

AMBIENTE , M5S:OPERAZIONE VERTA’ ECOBALLE .SPAGNA E ROMANIA DICONO NO ALL’AUTORIZZAZIONE .RITARDI ORMAI CRONICI E I FONDI SEMPRE PIU’ A RISCHIO

“Ci dichiariamo non soddisfatti del resoconto illustrato in aula dall’assessore Bonavitacola sulla vicenda smaltimento ecoballe. Le parole del vicepresidente confermano che sulle operazioni di smaltimento delle ecoballe la Regione Campania

Economia e Welfare

DI MAIO:”SARA’ UN SETTEMBRE CALDO PER LA POLITICA.CITTADINI ORGANIZZATEVI SAREMO INSIEME A VOI IN PRIMA LINEA.”

C’è un rapporto tra la parte cognitiva e quella emozionale nei rituali politici.La diretta video di oggi di Luigi Di Maio,che guida la sua  macchina sulla strada tra Acerra e

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi