IN RETE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE VERSO LE SINERGIE TRA IL SOCIALE PRIVATO E LE ISTITUZIONI PUBBLICHE IN CAMPANIA

La volontà di costruire sinergie tra il privato sociale e le istituzioni pubbliche. Questo è emerso dall’evento “In rete contro la violenza di genere”, la presentazione di esperienze virtuose a favore delle donne, a cura di Confcooperative Federsolidarietà Campania, in sinergia con la Regione Campania e Fondazione Con il Sud, svoltasi in Napoli, presso la prestigiosa Sala Vasari della Chiesa di S. Anna dei Lombardi, in Piazza Monteoliveto.

Durante i lavori sono stati presentati i progetti S.A.R.A. Sostegno antiviolenza rete attivaBe Help – is, Rete antiviolenza e Un’altra via di uscita. Finanziati da Fondazione Con Il Sud, a seguito del bando Donne, coinvolgono, tra i vari partner, cooperative nella rete di Confcooperative Campania e mettono in campo strumenti e servizi a supporto delle donne vittime di violenza. I progetti attiveranno servizi di ascolto, supporto psicologico, orientamento al lavoro, formazione e prevenzione culturale e sociale, agendo anche nelle scuole. Hanno preso la parola anche i referenti delle cooperative sociali Nuovi Incontri e Uomo, che rispettivamente nel beneventano e nel casertano, ogni giorno operano accanto a donne che soffrono.

Crediamo con fermezza nella rete. La rete è sicuramente una parola chiave nel nostro lavoro di Organizzazione di rappresentanza. Le sinergie sono infatti fondamentali non solo per costruire ed offrire i servizi, ma anche, guardando più lontano, per la crescita delle future generazioni” ha detto il Presidente di Confcooperative Campania, Antonio Borea, aprendo i lavori.

Sulla stessa linea anche Giovanpaolo Gaudino, Presidente di Federsolidarietà Confcooperative Campania: “Questo appuntamento è stato anzitutto un momento di riflessione e di scambio su uno dei tanti temi che ci vedono impegnati come cooperatori sociali. Dobbiamo vivere i territori perché ci apprestiamo a vivere in comunità sempre più frammentate e conflittuali e noi cooperatori – che per vocazione diamo voce a chi non ne ha –  non dobbiamo sottrarci dal compito di ritessere le relazioni tra le persone, facendo vincere la solidarietà sull’egoismo. Da qui la proposta di edificare relazioni e sinergie, sotto l’ombrello di Confcooperative Campania”.

Risposta positiva a questo appello è giunta da parte dell’Assessore Pari Opportunità Regione Campania, Chiara Marciani, presente ai lavori: “Fondamentale, anche negli anni a venire, sarà una sinergia totale tra il sociale privato e le istituzioni pubbliche. Ben vengano eventi come questo che permettono reciproca conoscenza, nonché scambi di visioni e di esperienze”.

Ad illustrare le iniziative (bando S.V.O.L.T.E., bandi I.T.I.A., ecc.) della Regione Campania per superare la violenza di genere e sostenere le donne è stata il Direttore generale Politiche sociali Regione Campania, Fortunata Caragliano, che ha invitato Fondazione Con Il Sud alla collaborazione e al confronto.

Il Direttore di Fondazione Con Il Sud, Marco Imperiale, si è detto ben disposto ad intensificare il confronto con la Regione Campania. Imperiale ha illustrato ai presenti la ratio del bando Donne: “Si tratta di un unicum sul tema, non avevamo mai lanciato un bando sulla violenza di genere, ma sull’onda di una escalation di femminicidi, molti dei quali avvengono tra le mura domestiche per mano di mariti e parenti, siamo intervenuti chiamando all’appello gli addetti ai lavori sui territori. Abbiamo favorito i progetti con elementi di innovatività e che erano collegati ad una rete imprenditoriale, come nel caso di quelli presentati oggi e connessi con Confcooperative, che mostra di essere una rete valida di imprese”. “Si stima siano più di 1.800 le donne uccise in Italia negli ultimi due anni. Il 75% muore per mano del marito o comunque di un familiare. Il lavoro culturale che ci aspetta è lungo e faticoso” ha concluso Imperiale.

 

In Campania nel 2017 i femminicidi sono stati 11 su 123, cioè il 9% sul totale. Secondo l’Osservatorio sul fenomeno della violenza sulle donne in Regione Campania, la Campania è la seconda regione italiana per femminicidi.

Previous LIBIA :CONTATTI TRA L'ITALIA E IL PRESIDENTE LIBICO
Next Manovra, si lavora alle riforme strutturali per dare stabilità al Paese

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Piano di Sorrento abbraccia Genova e Torre del Greco

Sarà un momento di grande commozione quello che il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” dedicherà, il prossimo 27 ottobre a Piano di Sorrento, per ricordare le vittime del Ponte Morandi, tra cui i 4 ragazzi

Economia e Welfare

Spari davanti bar, ferito un cliente

Spari da una moto nel Napoletano contro un gruppo di uomini ritenuti dalla Polizia vicini al clan Mazzarella: erano fermi davanti a un bar; sono rimasti illesi, l’unico ferito un

Economia e Welfare

TERZO SETTORE: COME CAMBIA IL VOLONTARIATO IN ITALIA

Con 239 voti favorevoli e 78 contrari la Camera ha approvato la nuova normativa per il Terzo Settore. In Italia sono quasi 6 milioni e mezzo le persone che si

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi