In Spagna profonda crisi di Governo in odore di corruzione , si intravedono nuove elezioni

La sentenza del caso Gürtel, ha generato la crisi politica in Spagna. A determinare lo scandalo sono stati i fondi neri e le mazzette legati al Partito popolare (Pp). Tale contesto,  ha spaccato la maggioranza palesando cosi la possibilità di elezioni anticipate. Il Partido socialista obrero español (Psoe), sostenuto da Podemos, dopo una consultazione interna ha deciso ieri, poco dopo la pubblicazione della sentenza, di presentare una mozione di sfiducia in parlamento contro il governo del leader dei popolari Mariano Rajoy. L’interpellanza verrà discussa e votata nei prossimi giorni. Il partito di centrista di Albert Rivera, il Ciudadanos,  che sostiene dall’esterno l’esecutivo Rajoy, ha definito «finita» la legislatura e ha chiesto elezioni anticipate.

La partita è complessa. La mozione di sfiducia nel momento in cui viene approvata fa sì che il capo dell’opposizione, diventa automaticamente il nuovo presidente del governo e forma un nuovo esecutivo. Questo è contemplato nel sistema costituzionale spagnolo. In questo momento, Il leader dei socialisti Pedro Sánchez.

Ragione per cui i mentre i socialisti presentano la sfiducia, Ciudadanos ha chiesto subito elezioni anticipate. Inoltre José Manuel Villegas Pérez segretario generale di Ciudadanos ha minacciato una mozione di sfiducia nel caso in cui Rajoy decida di non andare alle urne. Dal canto suo, l’attuale presidente del governo non intende fare marcia indietro: «Per quanto dipende da me, tutte le legislature durano quattro anni».

Le indagini vanno avanti da dieci anni, il processo del caso Gürtel si è chiuso con una raffica di condanne pesantissime, tra cui quella contro l’ex tesoriere del partito di Rajoy, Luis Bárcenas. Secondo i giudici, spagnoli, la deposizione di Rajoy al dibattito, quando negò l’esistenza di una cassa segreta del partito dove passavano i fondi neri, «non era affatto credibile».

Raffaele Fattopace 

Previous Il Popolo Colombiano affronta il primo turno delle elezioni presidenziali
Next LIGABUE PROTAGONISTA AL CINEFESTIVAL DI BENEVENTO

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

STORIA E TRADIZIONI CAMPANE: IL MUSEO DELLA CARTA DI AMALFI

La tradizione vuole che l’invenzione della carta sia avvenuta in Cina intorno al I secolo d.C.. Ma solo mille anni dopo l’Europa imparò dai cinesi l’arte di lavorare e creare quelle

Approfondimenti

AL MUSEO ARCHEOLOGICO DI NAPOLI, FARI PUNTATI SULLA CULTURA EGIZIA

A seguito delle adesioni per il precedente incontro presso la sezione Egizia del Museo Archeologico, Megaride, propone nuovamente un incontro culturale per ammirare e approfondire testimonianze di una cultura millenaria.

Approfondimenti

VALERIA VALENTE (PD) ATTACCA DE MAGISTRIIS SULLA QUESTIONE FUNICOLARE: ” GLI ANNUNCI IN CAMPAGNA ELETTORALE SULLA MOBILITA’ ERANO PROMESSE A VUOTO”

Valeria Valente all’attacco della giunta De Magistriis dopo l’ennesimo rallentamento dei lavori che ha riguardato la funicolare centrale. “La gestione della chiusura per i necessari lavori di manutenzione della funicolare

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi