INFEZIONI OSPEDALIERE :7000 MORTI ALL’ANNO

Decontaminazione non corretta e utilizzo eccessivo di antibiotici alla basa delle infezioni ospedaliere che mietono più morti di quanto ne provochino gli incidenti stradali. Sono 7000 ogni anno i decessi per infezioni ospedaliere contro i 3500 avvenuti sulle strade. E’ questo l’allarme lanciato dagli esperti del settore nel corso del forum nazionale promosso dal Centro Studi Mediterranea Europa a Napoli.

Il fenomeno è estremamente preoccupante”, ha dichiarato Massimo Clementi, preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università San Raffaele di Milano, che ha svolto una “Lectio Magistralis”. “Occorre capire quali sono i motivi di questo incremento, e mettere in atto tutte le politiche per arginarlo. Una modalità importantissima è quella della decontaminazione ambientale, ha sottolineato Clementi, seguita da un intervento microbiologico tempestivo”.

Previous Pensioni, Di Maio :"Ok ai voucher, ma attenzione agli abusi"
Next Uno spot per il Cilento: "Canzone Appassiunata" è il nuovo singolo della cantautrice D'Aria (con Marco Bruno & Namarà)

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Famiglie, a Natale arriva il “Bonus” di 150 euro per i figli a carico fino ai 25 anni di età

Per le feste Natalizie il Governo molto probabilmente approverà il disegno di legge il quale prevede un bonus  di 150 euro per ogni figlio a carico fino a 18 anni e

Economia e Welfare

Rc auto familiare, arriva il “malus individuale”. L’Ania protesta: “Norma ingiusta per gli assicurati”

L’Associazione nazionale tra le imprese assicuratrici critica pesantemente la nuova norma sull’Rc auto familiare in vigore da lunedì. “La nuova disposizione scardina definitivamente il sistema bonus/malus – afferma l’Ania in una nota – e,

Economia e Welfare

CAMPANIA :PARTE L’HOSPICE AL SAN GENNARO E AL CARDARELLI

Presso la Direzione generale regionale Tutela della Salute si è tenuta una riunione con l’associazione No.Do. (No Dolore) nel corso della quale si è affrontato il tema della “chiusura del

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi